Panini all’olio del fornaio

 Fotor_141482904596058

 

I panini all’olio simili a quelli dei fornai, morbidi e gonfi grazie allo strutto che li mantiene morbidi per piu’ giorni, sono facili da fare.

I fornai nei panini all’olio non mettono il latte come a volte facciamo noi per farli venire più morbidi e senza il retrogusto di olio, ma lo strutto. La mia fornaia nel supermercato, al banco del pane, espone gli ingredienti per ogni tipo di pane e nei panini all’olio c’è solo acqua, farina, olio d’oliva, lievito, sale, zucchero e strutto. Vende anche i panini al latte, ma non sono all’olio perchè lì c’è il burro. Lei mi ha detto che lo strutto mantiene il panino morbido. Si potrebbe argomentare che lo strutto costa meno dell’olio d’oliva e del latte ed i fornai lo usano per risparmiare sull’olio e sul latte. Io sono daccordo fino ad un certo punto perchè è vero che il risparmio c’è (ed in questo non c’è niente di male perchè gli ingredienti sono esposti e non c’è nessun inganno) ma il panino è anche molto buono. Senza lo strutto ed il latte il panino all’olio ovviamente si può fare lo stesso, ma non ha lo stesso sapore (pur essendo ottimo) e tende ad essere più asciutto.

Allora viva lo strutto. Io quando i panini li mangia anche mio marito lo sostituisco col burro, ma quando li ho fatti mangiandoli solo io devo dire che sono venuti ottimi e meglio che col burro.
Questa ricetta l’ho ricavata da una mia  dove c’è il latte ) https://blog.cookaround.com/robertasi/panini-al-latte/

Panini all’olio del fornaio
 
500 gr di farina 0
300 ml di acqua
3,5 gr di lievito di birra secco o 12 gr di lievito di birra fresco
25 gr di olio d’oliva
12,5 gr di strutto o burro
1 cucchiaio scarso di sale
1 cucchiaino di zucchero
Si procede con l’impasto indiretto: si fa attivare 10 minuti il lievito di birra secco nei 300 ml di acqua col cucchiaino di zucchero (se si usa il lievito fresco questo passaggio non c’è) si prepara il lievitino aggiungendo all’acqua e lievito tanta farina quanta ne occorre per formare una pastella non troppo liquida.
Si fa lievitare 15 minuti poi si aggiunge la rimanente farina e tutti gli altri ingredienti e si impasta.
L’impasto deve essere appiccicoso, non asciutto, deve attaccarsi alle mani quando si impasta, man mano che si impasta diventerà un po’ più asciutto ma fino alla fine dell’impasto deve rimanere appiccicaticcio.
Quando sollevandolo con una sola mano si stacca dalla ciotola in un solo pezzo allora è pronto (ci vorranno circa 10 minuti)
Si ricopre con una pellicola trasparente e lo si lascia lievitare 2 ore in luogo riparato.
Poi si trasferisce l’impasto sulla spianatoia e si impasta per due minuti.
Poi si dà la forma ai panini, sistemandoli in una teglia ben distanziati l’uno dall’altro.
Si fanno lievitare fino a che raddoppiano il volume e poi si infornano in forno pre riscaldato.
Il pane deve cuocere in 8-10 minuti ed abbrustolirsi nella parte superiore, tempi dicottura lunghi fanno evaporare troppi liquidi ed il pane perde di morbidezza. Ciascuno si regoli a secondo del tipo di forno che ha, nel mio devo mettere la temperatura a 250° e sistemarlo sotto il grill arroventato.
Print Friendly, PDF & Email
Precedente Ciambellone Nesquik e yogurt Successivo Polpette al forno bocconcino da re!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.