Occhi di bue

Gli occhi di bue sono gli amatissimi dolcetti del bar e della pasticceria, li gustiamo col caffè o col cappuccino e i bambini li adorano.

occhi di bue

Gli occhi di bue, questi dolcetti che ammiccano  dalle vetrine delle pasticcerie e dei bar, li ho preparati ieri pomeriggio perchè mio figlio ne va ghiotto. Sono più laboriosi di una crostata, ma una volta presa la mano ne sfornerete in gran quantità. L’importante è che non cuociano troppo, bisogna sfornarli prima che prendano colore altrimenti risulteranno secchi, al livello di biscotti. La pasta frolla poi deve essere non troppo morbida ma piuttosto sabbiosa, io mi trovo bene con quella del ricettario di Ada Boni, Il Talismano della Felicità, con cui ho preparato anche la Crostata della felicità

Occhi di bue

                                          Occhi di bue

Farina 400 gr
Uova 2
Burro (io uso la margarina) 200 gr
Zucchero 200 gr
Buccia grattugiata di 1 limone
Una presa di sale
1 barattolo da 400 gr di marmellata
zucchero a velo q.b.
Per preparare gli occhi di bue mettete  nella planetaria, con gancio a foglia, farina, burro o margarina ghiacci a pezzetti, zucchero, la scorza di limone grattugiata e la presa di sale, impastate. Se impastate a mano sbriciolate il burro o margarina ghiaccia a pezzetti nella farina fino ad ottenere un sabbiato, aggiungete poi lo zucchero, la scorza del limone e la presa di sale, fate poi una fontana sulla spianatoia ed aggiungete le uova, poi impastate velocemente e brevemente il tutto.
Raccogliere l’impasto in una palla, avvolgerla in una pellicola di plastica a farla riposare in frigo per mezz’ora.
Trascorso il tempo, tirate fuori la frolla dal frigo e dividetela in 4 panetti, mettete un panetto tra due fogli di carta forno e spianatelo col mattarello nello spessore di 5 mm, se la frolla fosso troppo appiccicosa eventualmente infarinate un poco la carta forno.
Con un bicchiere di circa 8-10 cm di diametro ritagliate dei dischi ed in numero pari altrettanti dischi ai quali ritaglierete un foro in centro con un bicchierino da liquore. Questa operazione fatela quando tutti i dischi sono già nella teglia coperta di carta forno, così non si sformano.
I ritagli di pasta poi, naturalmente li riutilizzate reimpastandoli e spianandoli di nuovo.
Infornate a forno pre riscaldato a 180° stando attentissimi che non prendano colore altrimenti induriscono troppo, sfornateli che sono ancora bianchi e ancora un pò morbidi, si induriranno raffreddandosi.
Procedete allo stesso modo con tutti i panetti. Al termine ponete su ogni disco poca marmellata (o anche Nutella) e sovrapponete il relativo cerchio, poi nell'”occhio” mettete abbondante marmellata. Una volta finito spolverizzate gli occhi di bue con zucchero a velo coprendo col bicchierino l’occhio centrale che non deve essere zuccherato.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Rigatoni alla carbonara Successivo Pomodori col riso

6 commenti su “Occhi di bue

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.