Le Nocciole

Le nocciole hanno origini antiche: l’albero del nocciolo , il cui nome scientifico è Corylus Avellana e appartiene alla famiglia delle Betalaceae , veniva, infatti, coltivato da Romani e Greci, che ne apprezzavano già le proprietà benefiche, nutritive e terapeutiche.

La nocciola è un frutto dalla caratteristica cupola verde, dal guscio duro e dal seme dolce, che può essere consumata fresca, secca o tostata.

 

Della nocciola esiste la qualità lunga e quella tonda, ma al gusto è più gentile la lunga. C’è poi, quella che rosseggia nel guscio ed è fragile da rompere. Non sempre però il frutto corrisponde al suo guscio, .

Fin dall’antichità  per i contadini ha rappresentato una fonte di sostentamento importante: perché molto energetico, ricco di proteine vegetali e zuccheri, ottimo sostitutivo della carne. Possiamo definirlo una “dispensa” a cui si poteva attingere per tutto l’inverno, grazie anche alla sua facile e lunga conservazione.

 

 

Un’antica credenza popolare creava una relazione tra la nocciola e la nascita di bambini:  forse perché esso è un frutto molto energetico che andava consumato durante il riposo invernale . Altri, invece, individuano questo rapporto nella conformazione della nocciola avellana che è come un bambino, racchiuso nell’alvo materno e viene, così, identificata come simbolo di natalità.


In cucina la nocciola va usata con successo nei ripieni e salse per il pollo, unita ai frutti di finocchio. Essa è raccomandata per i diabetici e, se tostata, è più digeribile.

Nocciole: benefici, proprietà nutrizionali, alimentari e controindicazioni

Le nocciole sono ricche di vitamina E, grassi insaturi e di fitosteroli: si tratta di sostanze indicate per la prevenzione delle malattie cardiache e circolatorie, che apportano benefici notevoli al cuore. La presenza di magnesio aiuta a regolare i livelli di calcio nel sangue e, di conseguenza, anch’esso preserva la salute del cuore e dei muscoli, rafforzandoli.Il magnesio presente nelle nocciole combatte la stanchezza, i crampi, i dolori e l’affaticamento.
Il magnesio e il manganese apportano benefici alle ossa e alle articolazioni.


Grazie alla presenza di manganese e di fibre,favoriscono la digestione, il transito intestinale e l’eliminazione delle tossine, oltre ad aiutare il metabolismo
La vitamina E e il manganese sono, inoltre, indicati per la prevenzione del cancro: riescono, infatti, a contrastare l’insorgere di alcuni tipi di tumore.
Sempre la vitamina E e gli acidi grassi insaturi svolgono un’azione protettiva nei confronti della pelle: ad esempio, l’olio di nocciole per la cura della pelle e dei capelli, in grado di prevenirne la disidratazione e rafforzarli, grazie alle proprietà emollienti e tonificanti.
Inoltre la vitamina E è considerata un antiossidante naturale e, in quanto tale, è in grado di rallentare l’invecchiamento precoce e contrastare l’azione dei radicali liberi

 

nell’uso esterno, la pasta di nocciola rende la pelle liscia, mentre l’olio è usato nelle creme emollienti e nutrienti per pelli secche.

Le nocciole non contengono, poi, glutine e sono, quindi, indicate nell’alimentazione di chi soffre di celiachia
Contengono acidi grassi essenziali omega-6 e omega-3,che sono in grado di abbassare i livelli del colesterolo LDL e acido oleico, che serve per alzare i livelli di colesterolo “buono” HDL.
Il consumo di nocciole è, inoltre, indicato per combattere l’anemia.
Le nocciole sono indicate negli stati di convalescenza,
La presenza di vitamine del gruppo B sono in grado di alleviare lo stress e l’ansia e combattere la depressione, Le nocciole sono, poi, in grado di combattere la stitichezza
Le nocciole sono una fonte preziosa di sali minerali oltre al magnesio, calcio e manganese sono presenti potassio, fosforo ferro, rame, zinco e selenio
Questo tipo di frutta secca include, inoltre, vitamine – la A, quelle del gruppo B, la C, la E, la K e la J – beta-carotene, saccarosio, diversi aminoacidi, acqua, proteine e fibre. Le nocciole sono, poi, un alimento molto calorico: si parla, infatti, di circa 628 calorie ogni 100 grammi di prodotto.

Non esistono effetti collaterali particolari legati al consumo di nocciole. Sicuramente, è bene prestare attenzione in presenza di allergie e intolleranze e non esagerare nel consumo.

Leggi anche:

1,765 Visite totali, 1 visite odierne

Precedente Arriva la SuperLuna! Successivo Frittura e Panatura: metodi e consigli

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.