La leggenda del gelsomino

I fiori sono così belli, coi loro petali delicati e col loro profumo incantevole, che gli uomini hanno sempre immaginato che avessero un’origine prodigiosa. Una leggenda racconta come sia nato il gelsomino.
La notte in cui il Bambino Gesù nacque a Betlemme, nevicava e faceva un freddo terribile. Sapete che nella stalla dove il Bambino giaceva sulla paglia, l’asinello e il bue lo riscaldavano con il loro fiato, dolcemente…

 

Ed egli si era addormentato in un soave sonno. Vicino vegliavano la Madonna e san Giuseppe. Ad un tratto, una raffica di vento impetuoso investì la capanna e la porta, mal connessa, si spalancò all’improvviso. Una folata d’aria gelida e di neve candida entrò nella stalla. Presto san Giuseppe corse a chiudere la porta, ma un fiocco di neve si era posato sulla fronte del Bambino Gesù. Temendo che egli si destasse, la Madonna si chinò su di lui, e con un bacio rimosse dalla fronte il bianco fiocco. Miracolo! Esso si disciolse al calore delle labbra, ma si trasformò in un piccolo fiore dal profumo intenso e dai petali candidi come neve.

 

Il gelsomino era sbocciato dal bacio della Madonna sulla fronte del Bambino Gesù.

 

Leggi anche:

213 Visite totali, 2 visite odierne

Precedente L’amaryllis Successivo Natale dal mondo: 12 piatti per celebrare le feste

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.