Infarti, dieta mediterranea efficace quanto farmaci

I benefici di uno stile di vita sano, che includa il modello alimentare Patrimonio dell’Umanità, eguagliano e in certi casi superano quelli dei medicinali anti-colesterolo.

corbis_42-72845332

Quello di seguire uno stile di vita sano, con un’alimentazione che prediliga pesce, frutta e verdura ai cibi grassi e processati non può più essere considerato un semplice consiglio accessorio: per le persone a rischio di infarto, la dieta mediterranea è un’arma efficace tanto quanto le statine, tra i farmaci più prescritti per il controllo del colesterolo.

Mangiare sano, smettere di fumare e ritagliarsi tempo per una piacevole attività fisica può essere tanto efficace quanto iniziare una terapia farmacologica per ridurre i grassi “cattivi”. È la conclusione di uno studio britannico pubblicato sulla rivista medica Prescriber.

RIVOLUZIONE NECESSARIA. L’80% delle malattie cardiovascolari, la prima causa di morte in Italia e nel Regno Unito, dove è stato condotto lo studio, dipende da abitudini modificabili del proprio stile di vita, e il passaggio a una dieta mediterranea, unitamente ad altre abitudini sane come non fumare e tenersi in movimento, dovrebbe essere caldeggiato da cardiologi e medici di famiglia al pari di una prescrizione farmaceutica.

BONUS ACCESSORI. Senza contare che un’attività fisica divertente e gratificante porta con sé altri benefici collaterali (come la riduzione dello stress e la socializzazione), ha raramente effetti collaterali e migliora durata e qualità della vita.

CONFRONTO. Al contrario, continua lo studio, le statine non sono prive di effetti collaterali. E se è vero che in un caso su 40 prevengono la ricaduta di ictus e infarti, solo una quantità di pazienti variabile tra 1 su 50 e 1 su 200 (tra coloro che non hanno mai avuto eventi cardiovascolari) vive più a lungo grazie a questi farmaci.

Insomma, «ogni decisione sui trattamenti – concludono gli autori – dovrebbe guardare a un quadro più completo, incluso lo stile di vita. E incoraggiare i pazienti a prendere decisioni informate sulle alternative che hanno per proteggere la propria salute».

 

Fonte: .focus.it

Leggi anche:

582 Visite totali, 1 visite odierne

Precedente La lavastoviglie che fa risparmiare! Successivo Lamponi: Proprietà, benefici e ricette

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.