Il Carnevale di Venezia

“Semel in anno licet insanire”, dicevano gli antichi romani, che tradotto significa “una volta all’anno è lecito impazzire”. Questa espressione, divenuta proverbiale nel Medioevo, indicava una sorta di festa collettiva ricorrente in molte culture occidentali. In un periodo ben definito dell’anno erano ammessi comportamenti eccentrici e fuori dalle convenzioni sociali e religiose. Si trattava di un gioioso cerimoniale liberatorio che permetteva alla comunità di prepararsi all’adempimento dei normali doveri sociali. Nel nostro Paese questa tradizione è tutt’ora legata alla celebrazione del Carnevale che precede l’inizio della Quaresima.

Coriandoli, stelle filanti, frittelle e chiacchiere… mascherine, Colombine, Arlecchini, Balanzoni e Pantaloni… Tutto questo unisce l’Italia nel festeggiare il Carnevale. Giorni che, oggi come nell’antichità, portano la simbolica ondata di caos e di eccesso che travolgono l’ordine costituito. La bellezza vera del Carnevale la ammiriamo nella teatralità dei costumi, alcuni spettacolari nei colori e nelle rifiniture, sia che richiamino fatture storiche, sia che riprendano personaggi moderni. L’idea del travestimento è il fulcro della festa stessa, la cui peculiarità diventa, in alcune città, la sfilata delle maschere e dei carri allegorici. I grandi spettacoli sono conditi da tanta allegria e l’imperativo è divertirsi.

Tra i più famosi, in Italia, per la regalità e la sfarzosità delle sue maschere è il Carnevale di Venezia, che sembra risalire a oltre 900 anni fa. Piazza San Marco viene invasa da migliaia di maschere eleganti, raffinate, eccentriche, colorate, che partecipano al famoso “Volo dell’Angelo”, una tradizione veneziana estremamente spettacolare e che dà inizio ai festeggiamenti. Il “Volo dell’Angelo” rievoca l’antico omaggio acrobatico al Doge, un tempo a capo della Repubblica di Venezia: si tratta dell’emozionante volo di una splendida fanciulla dalla cima del Campanile di San Marco fino al centro della Piazza, dove si scioglierà la tensione dello “svolo” nell’abbraccio del Doge e del pubblico.

Leggi anche:

1,618 Visite totali, 2 visite odierne

Precedente Si fa festa! Successivo Oltre mouse, tastiera e desktop: le nuove interfacce per pc

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.