Crea sito

Il mio Ragù

Il mio ragù Il mio ragù

Cari lettori oggi voglio parlarvi un po’ di questa ricetta che per me ha un valore affettivo… si, perché “Il mio Ragù” è la prima preparazione che ho imparato in cucina alla tenera all’età di sette anni, infatti questo è il condimento preferito da tutti i miei famigliari.. Naturalmente mia madre mi ha insegnato la base, ma con il tempo ho seguito qualche consiglio preso qua e là fino ad elaborare la mia personale versione, non ci sono segreti particolari per preparare un buon ragù, servono solo ingredienti di qualità e un po’ di tempo.. Come noterete questo non è il tipico ragù alla bolognese o il classico sugo che si prepara al sud, ma bensì un mix come appunto tutte le mie ricette composte principalmente da piatti emiliani, con qualche variante della cucina Toscana, abbruzzese e campana.. Alla fine nei piatti che proponiamo giornalmente ci sono sempre le nostre radici culturali… non credete? 

Il mio Ragù

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 400 gr. di carne macinata mista
  • 100 gr. di salsiccia di maiale
  • 1 gamba di sedano
  • 1 carota
  • 1 scalogno oppure 1 cipolla bianca
  • 120 ml. di brodo vegetale preparato con 1 gamba di sedano, 1 cipolla bianca e 1 carota – oppure – Brodo Star
  • 350 gr. di passata di pomodoro – (io ho usato la passata Star)
  • prezzemolo
  • noce moscata q.b
  • 3 cucchiai di olio evo
  • sale q.b

Preparazione.

Pesate gli ingredienti.

Preparate in anticipo il brodo vegetale utilizzando sedano, cipolla e carota. Dovrete pelare e lavare le verdure, immergerle in una pentola con un litro e mezzo d’acqua coprire con un coperchio e lasciare insaporire il vostro brodo per 90 minuti a fiamma dolce.
In una padella antiaderente fate rosolare la carne macinata e la salsiccia (privata del budello) senza aggiungere nessun tipo di condimento, questa è un’operazione da eseguire a fiamma viva per pochi minuti e con una forchetta ridurre la carne in piccoli pezzettini.
Pelate e lavate le verdure, dopodiché su un tagliere riducetele a dadini, poi aggiungetele in padella.
Se usate la cipolla bianca al posto dello scalogno vi consiglio di mettere (se vi piace) uno spicchio d’aglio, potete tagliato a metà e privato dell’anima, però a fine cottura toglietelo..

Mescolate bene per qualche minuto a fiamma dolce.

A questo punto versate la passata di pomodoro, il brodo vegetale, un po’ di noce moscata, il sale e l’olio, mescolate nuovamente con un cucchiaio e coprite con il coperchio. Il ragù dovrà cucinare per 2 ore sempre a fiamma dolce, ogni tanto controllatelo mescolando con il cucchiaio.collage A fine cottura il prezzemolo tritato.
Come avrete notato io non ho usato molto olio, decidete voi in base ai vostri gusti quanto metterne..
Ed ecco pronto “Il mio ragù” ottimo per condire la pasta, ma lo potete utilizzare anche sul pane tostato per preparare deliziose bruschette..

Il mio ragù
Il mio ragù di carne è semplicemente irresistibile!


Se volete preparare un buon piatto di pasta vi dò un consiglio… provate  L’Oro di Gragnano e l’ho conditela con “Il mio ragù” poi servitela ben calda (io ho usato Pappami)..

Spero abbiate gradito questa ricetta… 😀 Se volete potete seguirmi sulla pagina Facebook di “Menta e peperoncino”..

4 Risposte a “Il mio Ragù”

  1. Hai proprio ragione, ognuno ci mette del suo nelle ricette di casa, io per esempio non ho mai usato il brodo ma perché, probabilmente non è mai stata un abitudine di mia madre o della mia famiglia… Così ho continuato a cucinarlo con la sola passata di pomodoro, abbondante, tra l’ altro!! A presto Ivana, Assunta

    1. Infatti Assunta, il bello delle ricette è anche questo… riproporre i piatti che ci hanno insegnato le persone a noi care… Grazie di essere passata.. A presto e buona giornata! 🙂

    1. Ciao Stefy! È proprio vero, ognuno personalizza la ricetta rispettando i propri gusti e sopratutto le proprie tradizioni.. Ti ringrazio e ti auguro una buona serata! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.