Titanic II, la replica del Titanic è pronta a salpare

Il battesimo del mare nel 2018. A bordo, tutto imiterà fedelmente la nave originale, sfarzi e divisioni per classi inclusi. Unica differenza? I sistemi di sicurezza.
Guarda anche: 7 naufragi celebri entrati nella storia

Se non siete tipi suggestionabili e amate le crociere, presto potrete prenderne in considerazione una molto particolare: è atteso per il 2018 il battesimo del mare del Titanic II, la replica esatta del Titanic finanziata e fatta realizzare dal miliardario australiano Clive Palmer. Inizialmente progettata per quest’anno, richiederà ancora qualche mese di realizzazione (la sicurezza prima di tutto, date le circostanze). Ma il magnate ha fatto sapere di essere comunque determinato a completare il progetto.

Le dimensioni imiteranno in tutto e per tutto quelle dell’originale, più piccola di una moderna nave da crociera. Il Titanic era lungo 268 metri, largo 28, alto 53 e pesante 46 mila tonnellate. Oggi sarebbe una piccola nave da crociera. E così sarà anche il Titanic II. Per fare un confronto con un’altra recente tragedia dei mari, la Costa Concordia era lunga 290 metri, larga 36 e pesante 114.500 tonnellate.
All’epoca della sua costruzione, nei primi anni del ‘900, l’RMS Titanic era la nave più grande che fosse mai stata costruita. Gli interni riprenderanno fedelmente gli originali. Fortunatamente, le scialuppe di salvataggio avranno una capienza maggiore (2700 posti contro i 1187 dell’epoca).

Un dettaglio degli interni: la riproduzione fedele della palestra. A costruire la replica del Titanic – perfetto specchio dei tempi che cambiano – sarà una compagnia navale cinese di Jiangsu, e non l’irlandese Harland and Wolff di Belfast, che fabbricò il lussuoso e sfortunato transatlantico.

La palestra così come si presentava nel 1912.

Uno scorcio degli interni. Anche la rotta sarà molto diversa: il viaggio inaugurale non andrà da Southampton a New York, ma da Jiangsu (Cina) a Dubai.

bagno turco. La nave gemella del Titanic costerà circa 435 milioni di dollari (390 milioni di euro), quasi 10 volte l’originale, considerando anche l’inflazione: l’RMS Titanic costò circa 45 milioni di euro. Il costo di realizzazione non è molto diverso rispetto a quello di una moderna nave da crociera di medio/grandi dimensioni, che si aggira intorno ai 450 milioni di euro.

La sala da pranzo della prima classe. Anche se la scelta di riprodurre la sventurata nave ha suscitato le polemiche dei familiari delle vittime del naufragio del 1912, l’idea ha riscosso…Continua a leggere >>

Leggi anche:

 582 total views,  1 views today

Precedente L’aceto balsamico Successivo Crespelle agli spinaci e ricotta

Lascia un commento