Tante varietà, un unico gusto!

È una pianta erbacea che viene coltivata per consumarne le foglie.
La raccolta è autunnale o invernale, tranne per alcune varietà da taglio che si raccolgono nella stagione estiva.
E’ lei!

Le cicorie più diffuse sono i radicchi a foglia rossa o variegata.
Ci sono poi cicorie da cespo, da taglio e da radici.
Tra i radicchi le specie più conosciute sono il “Rosso di Verona”,che ha un grumolo rotondo e compatto;
il “Rosso di Treviso”, dalle foglie allungate tenere e dalla costa croccante;
la “Palla di fuoco rossa”, che è pronta in estate e si presenta proprio come una palla tonda; il “Variegato di Castelfranco”, le cui foglie sono screziate bianco-rosso; il radicchio “di Chioggia”, dal grumolo compatto, rosso con qualche striatura bianca.
Ci sono poi le cicorie da cespo, a foglia verde, che si dividono in due gruppi: le cicorie che formano un cespuglio di foglie e quelle chiamate comunemente catalogne.
Al primo gruppo appartiene il “Pan di zucchero”, dalle grandi foglie a cappuccio, bianche all’interno e croccanti al….. Continua a leggere »

Leggi anche:

655 Visite totali, 2 visite odierne

Precedente Questa è la vita Successivo L'incubo dei virologi

Lascia un commento