Spritz

Lo spritz è sicuramente il più bevuto degli aperitivi in Italia, e si capisce benissimo la ragione di questo successo: è fresco, colorato, leggermente alcolico e si prepara facilmente. Però per essere precisi dovremmo parlare di spritz al plurale, visto che ogni barman ha la sua ricetta particolare per preparare questo cocktail.
Io vi propongo la ricetta classica che prevede l’uso di Prosecco e Aperol:

Ingredienti
6 Cl Di Prosecco
4 Cl Di Aperol
Mezza Fetta Di Arancia
Acqua Di Seltz O Soda Q.B.
Cubetti Di Ghiaccio Q.B.

Preparazione:
Prendete un bicchiere, a scelta tra un tumbler o un bicchiere da vino molto grande, e riempitelo di cubetti di ghiaccio.
Versate nel bicchiere il Prosecco, aggiungete uno spruzzo di seltz oppure uno schizzo di soda, ed infine l’Aperol.

Un consiglio:
Ricordate che per ottenere uno spritz perfetto dovete aggiungere l’Aperol per ultimo, per evitare che finisca tutto sul fondo, e non dovete mescolare assolutamente il cocktail, per non perdere le bollicine.

Alcune idee per varianti:
-Spritz con il Campari: basta sostituire l’Aperol con il Bitter Campari, il gusto sarà più amaro e il colore più rosso.
-Sostituendo l’Aperol con il Martini Rosso si ottiene un sapore ed un colore più intensi.
-Preparate lo spritz usando un altro vino frizzante al posto del Prosecco: se scegliete un buon spumante il risultato sarà ancora migliore.
-Usate un vino bianco fermo al posto del Prosecco per fare lo spritz, scegliendo ad esempio un buon bianco aromatico.
-Rendete lo spritz ancora più leggero usando metà vino e metà acqua frizzante o seltz.
-Per fare lo spritz con la granita al limone, basta usare della granita al limone nel bicchiere al posto del ghiaccio.
-Un’alternativa allo spritz tradizionale potrebbe essere anche Hugo, un cocktail da preparare con prosecco e sciroppo di sambuco.
-Interessante anche la ricetta dello spritz al melograno, uno degli aperitivi analcolici da preparare durante la stagione autunnale.

 

XRoNipaYKHjv

princesscrown

Leggi anche:

2,617 Visite totali, 2 visite odierne

Precedente Torta di savoiardi alla crema di burro Successivo Panna cotta “ubriaca” al cioccolato

Lascia un commento