Piadina di grano saraceno

La Piadina è un riferimento della gastronomia romagnola: cibo di strada per eccellenza, base per cene rapide o merende sontuose, capace di soddisfare un appetito vorace ma anche un semplice momento di gola. La Piadina è buonissima, nelle sue multiformi varietà: da quella spessa e saziante di Ravenna a quella più morbida, più sfogliata di Riccione. Vuota, farcita o ripiena, viene preparata con un infinito di piccole varianti.
Oggi vi propongo la variante al grano saraceno.

TEMPO PREPARAZIONE 15 MIN
TEMPO COTTURAv5 MIN
TEMPO RIPOSO 60 MIN

Ingredienti:

PER 2 PIADINE:
• 100 g farina di grano tenero “0”
• 100 g di farina di grano saraceno
• 50 g d’acqua
• 50 g di latte
• 1 cucchiaino raso di lievito secco
• 1 cucchiaio di strutto
• sale

Procedimento:

Miscela le due farine e il lievito secco.
Fai partire la planetaria con la foglia, e versa la miscela di acqua e latte.
Aggiungi un bel cucchiaio di strutto, il sale, e fai girare adagio. Quando avrai un composto piuttosto sbriciolato passa al gancio, bagna con un mezzo cucchiaio d’acqua e fai girare ancora.
L’impasto resterà rustico: quando sarà ben composto passalo sulla spianatoia e manipolalo velocemente.
Metti la pallotta in una ciotola, copri con un canovaccio e un coperchio. Fai riposare a temperatura ambiente per almeno un’ora. Meglio due.
Dividi la pasta a metà, e stendi le pallette con il mattarello, tenendo ben infarinati entrambi i lati.
La piadina andrebbe cotta sul testo di terracotta o ghisa, anche se modernamente tutti usano delle piastre: dunque scalda bene la padella e deponi la sfoglia. Fai dorare bene, poi gira.
La superficie presenterà le classiche marezzature “a macchia di leopardo”. Con una punta sgonfia eventuali bolle dovessero formarsi.
Quando sarà cotta da entrambi i lati prelevala, tagliala in quattro parti e farcisci a piacere.

 

Leggi anche:

831 Visite totali, 2 visite odierne

Precedente Quenelle di cocco e ricotta al cacao amaro Successivo Pancake alle albicocche

Lascia un commento