Oltre mouse, tastiera e desktop: le nuove interfacce per pc

Tastiere, mouse e telecomandi sono pezzi da museo: meglio usare le dita, o anche secchiello e paletta. Quanto ai computer, i prossimi potrebbero essere così “distribuiti” da non sapere dove sono.

Derivati dal guanto musicale sviluppato al MIT da Elly Jessop, Heap è una delle più evolute interfacce per l’utilizzo del computer in ambito musicale. Permette di “catturare fisicamente” le note con le dita e prolungarle, farle vibrare, alzarle o abbassarle con risultati sorprendenti e straordinari. E può suonare, diventando percussioni, chitarra e tanti altri strumenti in base al software col quale interagisce. Unico neo il costo, che si aggira sui 5000 euro.

Transform è l’applicazione per la casa 2.0 (e anche 3, 4 e 5.0) che rende il vostro arredamento capace di adattarsi, in una frazione di secondo, alle esigenze del momento. Vi serve un supporto per il tablet? Ecco che i cubetti del piano di lavoro si alzano per ospitarlo. Un portapenne? Eccolo salire dalla scrivania. La sedia è troppo alta? Il sistema vi riconosce…

ReacTable è l’ultima frontiera della musica elettronica. È un sistema composto da un piano con uno schermo interattivo sul quale il musicista posiziona gli elementi, ognuno dei quali è associato a una sonorità, la cui frequenza, volume e intensità cambiano in base alla posizione sul piano e rispetto agli altri elementi. Occorre pratica, ma alla fine il risultato è del tutto originale.

Uno schermo piatto e a due dimensioni non vi basta? Volete essere liberi di appuntarvi un memo sulla parete o impilare disordinatamente i documenti come su una vera scrivania? BumpTop è la risposta: una versione 3D del classico desktop che permette di posizionare icone e documenti un po’ ovunque. Il progetto è stato acquisito da Google nel 2010.

Nato dalle esigenze e dall’esperienza dei geologi della National Science Foundation, Flexible Topography è una delle più evolute applicazioni per lo…Continua a leggere»

Leggi anche:

306 Visite totali, 1 visite odierne

Precedente Lentamente... Successivo La scoperta dei 7 esopianeti per immagini

Lascia un commento