La pianta del buon augurio

È una delle piante più conosciute e usate per abbellire le case e le decorazioni del Natale.
Con le sue bacche rosse nel mare di foglie verde scuro è uno dei simboli delle feste:
essa porta il messaggio del “buon augurio”.
Il pungitopo (ruscus aculeato) è una pianta originaria del bacino del Mediterraneo, ma popola anche l’Europa centrale e il nord Africa.
Comune nei boschi, è una pianta sempreverde, di colore verde molto scuro.

 

 

 

https://goodmorningumbria.files.wordpress.com/2010/05/pungitopo.jpg
La sua principale caratteristica sono i fusti rigidi con numerose spine che si accomodano in cespugli molto intricati. In primavera, si schiudono i minuscoli fiori verdastri che maturano in inverno, quando si trasformano in frutto: le tipiche bacche scarlatte.
I germogli di pungitopo sono noti come “asparagi selvatici”, vengono raccolti da marzo a maggio e sono cucinati come asparagi: lessati per insalate, minestre e frittate.

 

Un tempo, addirittura, i suoi semi venivano usati al posto del caffè.
Gli antichi romani usavano il pungitopo come talismano, perché credevano che, piantandolo intorno alla casa, allontanasse i malefici.
Le proprietà del pungitopo erano note già nell’antichità.
Plinio raccomandava il decotto di radici con il vino per le infezioni renali.
Nel Medioevo, si usava la “Pozione delle… Continua a leggere»

Leggi anche:

698 Visite totali, 1 visite odierne

Precedente Candido pericolo Successivo L’abete

Lascia un commento