Il “Pan de Toni”

I pani dolci delle feste rappresentano un’usanza diffusa in tutta Europa.
In origine, questi non erano dolci, ma grosse pagnotte che venivano preparate sotto la direzione del padrone di casa.
Prima di infornare egli vi incideva, con il coltello, una croce in segno di benedizione e di buon augurio.

 

 

 

 

http://farm4.static.flickr.com/3292/2990485820_50b525e820.jpg
Il pane veniva, poi, mangiato da tutta la famiglia, durante la cerimonia natalizia del ciocco.
In Francia, ancora oggi, nelle campagne si usa cuocere il “Pan de Calandre”: come prevede la tradizione, si taglia un pezzetto di pane e su questo vengono incise tre o quattro croci per guarire molti mali.
In Inghilterra, alcuni fornai regalano ai clienti una piccola focaccia in segno di buon augurio.
È in Lombardia il pane più famoso: il Panettone.
Sembra che l’origine del panettone risalga al XV secolo, ma dalla fantasia popolare sono giunte a noi numerose leggende e una di queste narra che viveva, in tempi assai lontani, un povero garzone di fornaio di nome Toni.
La vigilia di Natale aveva lavorato molto per impastare il pane.
Era stanchissimo, quando si accinse a…Continua a leggere»

Leggi anche:

 1,692 total views,  1 views today

Precedente L’abete Successivo E' Inverno

Lascia un commento