…Di necessità…Bontà!

#Accaddeoggi

Il gelato ha parlato fin dalle sue lontane origini una sola lingua: l’italiano.
E fu un italiano a cambiare per sempre il modo di gustarlo.
L’emigrante Italo Marchioni, marchigiano d’origine, ricevette negli USA il brevetto del cono gelato.
Era il 13 dicembre del 1903.

 

 

 

Marchioni era già conosciuto per le strade di New York, dove vendeva ghiaccioli al limone serviti ai clienti dentro bicchierini di vetro.
La necessità di sostituire i bicchierini di vetro (che finivano per rompersi o che i clienti dimenticavano di restituire) portò inizialmente all’intuizione di un foglio di carta a forma di cono, utilizzato come contenitore del gelato.

Visto il successo che il gelato da passeggio riscuoteva nei clienti, s’impegnò a individuare un supporto commestibile che si sposasse perfettamente con il sapore del gelato.
La soluzione fu una cialda… Continua a leggere»

 

Leggi anche:

396 Visite totali, 1 visite odierne

Precedente Giornata Mondiale dei Diritti Umani Successivo Il mercatino di Natale

Lascia un commento