Cucinare senza sale: Perché?

Spesso,aggiungere sale ai cibi è tutt’altro che indispensabile: è solo per abitudine che apprezziamo maggiormente le pietanze salate.
Questa abitudine, oltre a essere nociva per la salute, non consente al nostro palato di cogliere pienamente le sfumature di gusto e il sapore proprio e naturale di ogni alimento.
Alcuni semplici accorgimenti possono aiutare a ridurre le quantità di sodio presenti nella vita quotidiana.
Le regole per limitare il consumo di sale sono:
-Evitare di salare i piatti una volta serviti: non mettere a tavola la saliera allontanerà la tentazione
-Ridurre progressivamente la quantità di sale durante la preparazione dei cibi, fino alla quantità minima indispensabile per accontentare il palato: i recettori per il gusto salato situati sulla lingua sono infatti in grado di modificare nel tempo la loro capacità percettiva (perciò possono essere educati al poco sale!!!!)
-Limitare l’impiego di alimenti conservati eccessivamente salati come dadi per brodo, scatolame salse ecc.
-Evitare gli alimenti troppo ricchi di sodio.
-Per quanto riguarda il pane…Continua a leggere»

Leggi anche:

 428 total views,  1 views today

Precedente Chiamati all'Amore Successivo La Giornata internazionale della nonviolenza

Lascia un commento