Cavatelli ai calamari

ciao a tutti

image

CAVATELLI

IMG_0524

ZONA DI PRODUZIONE:
diffusi nell’intero territorio della regione Puglia .
Lavorazione: questo tipo di pasta- chiamato anche “cavatieddi”, “cuzzitilli”, “gnucchitieddi”e “rascatieddi”- ha la forma di un piccolo gnocco incavato, ma essendo diffusa in tutta l’area meridionale conosce in realtà numerose varianti.

CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE

COLORE:
dal bianco avorio al giallo paglierino.
ODORE:
inodore
SAPORE:
non sapidi, atti ad esaltare il sapore del sugo e della preparazione di verdure con i quali vengono conditi.
CONSERVAZIONE:
possono essere conservati fino a tre giorni, in frigorifero a una temperatura massima di 6°C.
Possono in ogni caso essere congelati senza subire alterazioni organolettiche per una durata di 3 mesi; in questo caso vanno immersi in acqua bollente senza che vengano scongelati.

DEGUSTAZIONE E ABBINAMENTI:

oltre al tradizionale abbinamento con le cime di rapa o con la ricotta salata, i cavatelli sono serviti sulle tavole meridionali con sughi rossi, semplici o di carne. Nella cucina pugliese sono spesso conditi con sughi a base di pesce.
Sublime l’accostamento a bottarga o molluschi.
La scelta dei vini è ovviamente legata alla natura delle diverse salse ma un buon abbinamento è con i numerosi rosati della regione.
Tra le ricette che impiegano i cavatelli cito:”Cavatelli ai calamari”, “Cavatelli con fave e salsiccia”,”Cavatelli con ragù alla barese”.

8Zeq2lxatDei

pepe
q.b.

aglio
1 spicchio

calamari
4

sale
q.b.

spinaci
250 grammi

farina
200 grammi

farina di grano duro
100 grammi

uovo
1

pomodoro polpa
400 grammi

olio di oliva extravergine
4 cucchiai

parmigiano
40 grammi

prezzemolo
1 cucchiaio

920a2360f36d4266bfce45745f291144.0

Prepara la pasta: impasta le due farine con un pizzico di sale, unendo poco alla volta dell’acqua tiepida, tanta quanta ne occorre per ottenere un impasto liscio.
Stacca dei pezzettini di pasta e con essi forma 2-3 lunghi cilindretti spessi circa 1 cm.
Tieni coperta la restante pasta con un canovaccio umido affinché non secchi. Dai cilindretti di pasta taglia dei pezzetti di 2 cm e contemporaneamente, striscia la pasta con la punta del coltello strofinandola sulla spianatoia (o tagliere di legno), ricavando così delle conchiglie allungate. Distribuiscile su un canovaccio e tieni da parte.
Pulisci i calamari, staccando le sacche dai tentacoli. Elimina le interiora e la penna cartilaginea, poi spella le sacche e lavale.
Trita i tentacoli e mettili in una terrina, unisci gli spinaci brevemente lessati, ben strizzati e tritati. Incorpora l’uovo, il parmigiano, il prezzemolo, sale, pepe e mescola bene.
Dovrai ottenere un composto omogeneo. Se necessario, unisci ancora un po’ di parmigiano.
Con il composto riempi le sacche dei calamari e cuci l’apertura con refe da cucina e ago grosso.
Rosola l’aglio nell’olio, unisci i calamari e falli ben insaporire.
Aggiungi la polpa di pomodoro, sale, pepe e cuoci piano per 40 minuti, coperto, unendo se occorre un po’ di acqua calda.
Lessa i cavatelli al dente, scolali, condiscili con il sugo dei calamari, suddividili in fondine e su ogni porzione metti i calamari tagliati a fette.

buon-appetito

CIAO A TUTTI

Leggi anche:

1,037 Visite totali, 2 visite odierne

Precedente Éclair: Lampi di Bontà!!! Successivo DOLCE DI MELE LIGHT (solo 166 calorie! )

Lascia un commento