Capperi!

È un arbusto selvatico, forse originario dell’Asia Occidentale, con andamento strisciante o rampicante, vegeta in climi mediterranei e in luoghi aridi e sassosi: lo si può vedere abbarbicato anche sui vecchi muri diroccati delle nostre città e campagne.

 

http://static.giardinaggio.it/giardino/aromatiche/cappero-pianta_NG1.jpg
Le foglie sono ovali (quasi rotonde), verdi e provviste di due piccole spine alla base del picciolo.
I fiori, primaverili, sono grandi e rosati.
In cucina si utilizzano i boccioli ben chiusi, conservati in salamoia, sotto sale o sotto aceto.
E’ il….

Cappero
I capperi più piccoli, quelli chiamati “Nompareille” e “Surfine” sono di qualità superiore.
I più grandi, invece, hanno indubbiamente meno sapore.
Il cappero più pregiato è quello dell’isola di Pantelleria che è stato riconosciuto IGP ( indicazione geografica protetta) nel 1996.
Un tempo i boccioli di ginestra e di una varietà di nasturzio (cappuccina) venivano messi sotto aceto: erano chiamati “capperi tedeschi.

 

Consigli in Cucina

Prima di usare i capperi sottoContinua a leggere»

Leggi anche:

 1,362 total views,  1 views today

Precedente Soffici delizie! I #MARSHMALLOW Successivo Cetriolo e zenzero: le proprietà benefiche

Lascia un commento