Pignolata calabrese al forno

Pignolata calabrese al forno

Sono arrivate le feste di carnevale e noi abbiamo preparato la pignolata calabrese, ma non fritta!

Ho deciso di provare questa ricetta di Sara Manzi, una pignolata molto furba per non rinunciare ai dolci della tradizione restando in salute.

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Porzioni:
    8 persone

Ingredienti

  • 200 g Farina 00
  • 2 Uova
  • 10 g Olio extravergine d’oliva
  • 5 g Lievito chimico in polvere
  • 180 g Miele
  • 8 g Mandorle a scaglie

Preparazione

  1. Impastate la farina, le uova, l’olio e il lievito fino a ottenere un composto sodo e omogeneo; coprite con la pellicola trasparente e fate riposare per 30 minuti a temperatura ambiente.

  2. come fare la Pignolata calabrese

    Trascorso il tempo di riposo, realizzate tanti rotolini d’impasto, quindi con un coltello o una piccola spatola ricavate dei gnocchetti.

  3. Disponete gli gnocchetti ottenuti in una teglia, rivestita con carta forno, infornate a 240° e fate cuocere per 2 minuti. Sfornate e tenete da parte. Nel frattempo in una padella fate sciogliere il miele con 180 g di acqua.

  4. Mettete gli gnocchetti nella padella e fateli saltare velocemente. Distribuiteli nei pirottini, decorate con mandorle a scaglie e dadini di arancia candita e servite.
    La pignolata calabrese al forno è pronta!

  5. Pignolata calabrese

Una porzione di pignolata da 50gr corrisponde a circa 200 KCAL

More&less: decorate la pignolata con scaglie di mandorle per aggiungere grassi omega 6 al dolce e tanta vitamina E, che protegge il cuore dei nostri bimbi. Inoltre diluite il miele con un po’ di acqua, in modo da dare maggiore dolcezza al piatto e meno zuccheri.

Metodo di cottura: Per alleggerire il dolce scegliete una cottura alternativa alla frittura, quella al forno.

Quantità: nonostante non sia fritto questo è un dolce molto calorico (200 kcal per porzione) Sono le calorie che troviamo in 70 grammi di stracchino o crescenza (meno di una confezione). L’apporto calorico è ideale per la prima colazione ma anche per una merenda seguita da una cena leggera.

One Comment

  1. Che buoni Laly li finirei tuttiiiiiiii…e poi al forno saranno belli croccantini!
    bravissima 😉

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.