Roccocò

Tra i biscotti di Natale i miei preferiti sono in assoluto i Roccocò napoletani! I Roccocò sono dei biscotti della tradizione natalizia napoletana dal profumo intenso e speziato. Sono a forma di ciambella schiacciata, croccanti fuori e morbidi dentro, una vera bontà! Sono realizzati con farina aromatizzata con il “pisto”, una miscela di spezie contenente chiodi di garofano, anice stellato, cannella, pepe e noce moscata. Alcuni aggiungono anche arancia o cedro canditi, a me sinceramente piacciono senza. Prima della cottura vengono spennellati con l’uovo sbattuto, da qui il tipico colore rossastro e poi decorati con mandorle, intere o a lamelle. I Roccocò possono essere serviti a colazione o a merenda, inzuppati nel caffellatte, nel thè o nella cioccolata calda. Alcuni li servono a fine pasto, inzuppati nel vin santo o nel vino rosso, come da tradizione dei nonni! Pronti allora per preparare con me questi deliziosi Roccocò napoletani? Seguitemi in cucina e vediamo assieme come fare!
Se cercate altre ricette di biscotti di Natale, vi consiglio di provare anche i miei BISCOTTI DI NATALE CON GLASSA.

Se vi piacciono le mie ricette e se vi fa piacere, non dimenticate di seguirmi nella mia PAGINA FACEBOOK e se vi va cliccate su SEGUI!
Seguitemi anche su INSTAGRAM e PINTEREST, per restare sempre aggiornati sulle mie ricette e sulle novità!

Roccocò ricetta
  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni24 roccocò circa
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaRegionale Italiana

Ingredienti per i Roccocò

Per i biscotti

500 g di farina 00
200 g di zucchero
3 cucchiai di miele
250 g di mandorle pelate
30 g di pisto
1 uovo
1 bustina di ammoniaca per dolci
Buccia di 1 arancia grattugiata
Buccia di 1 limone grattugiato
150 ml di acqua (circa)
1 pizzico di sale

Per il pisto

12 g di cannella in polvere
2 g di noce moscata in polvere
2 g di chiodi di garofano
2 g di pepe macinato
2 g di anice stellato

Per la decorazione

1 uovo sbattuto
20 mandorle

Cosa ci serve per i Roccocò

1 Padella per tostare le mandorle
1 Tritatutto
1 Ciotola
1 Setaccio
1 Mortaio
1 Grattugia per l’arancia e il limone
2 Leccarde
Carta forno
1 Pennello

Procedimento per i Roccocò

In un mortaio riducete in polvere i chiodi di garofano e l’anice stellato, mescolateli alle altre spezie ed otterrete il “pisto”.

Fate tostare le mandorle in forno ventilato preriscaldato, a 180° per 5 minuti. Mettetene da parte una ventina per le decorazioni e tritate finemente le restanti in un tritatutto.

In una ciotola setacciate la farina, aggiungete lo zucchero, un pizzico di sale, le mandorle tritate finemente e il miele. Mescolate con le mani.

Aggiungete il “pisto”, l’ammoniaca per dolci, la buccia grattugiata dell’arancia e del limone e l’uovo. Impastate per bene con le mani, aggiungendo l’acqua a poco a poco, fino a quando otterrete un impasto liscio ed omogeneo.

Trasferite l’impasto su un piano di lavoro infarinato e impastate ancora per 1 minuto.

Prendete delle palline di impasto di circa 50 grammi ciascuna, formate un rotolo per ogni pallina e poi formate le ciambelline.

Disponete i Roccocò sulle leccarde rivestite con carta forno, ben distanziati tra loro. Con il palmo della mano esercitate una leggera pressione per schiacciarle un po’.

Spennellate ogni Roccocò con l’uovo sbattuto e decorateli con le mandorle avanzate.

Fate cuocere i biscotti in forno statico preriscaldato, a 180° per 20 minuti. Toglieteli dal forno quando la superficie risulterà dorata.

Fateli raffreddare e serviteli, sentirete che bontà!

Roccocò fasi

Roccoco fasi.

Note

– Se volete, al posto delle mandorle, potete utilizzare 250 grammi di farina di mandorle e 20 mandorle intere per la decorazione.

– Se non avete il mortaio, riducete in polvere le spezie con il tritatutto.

– L’anice stellato lo trovate facilmente nelle erboristerie.

– Se non avete voglia di fare il “pisto”, lo potete trovare già pronto nei negozi ben forniti di prodotti per dolci.

– La quantità di acqua da aggiungere all’impasto dipende dal grado di assorbimento della farina. Vi consiglio di aggiungerla a poco a poco, ve ne potrebbe bastare di meno o servire di più. Dovete ottenere un impasto non appiccicoso.

– Io inforno una leccarda per volta, in questo modo i Roccocò si cuociono perfettamente. Se volete infornare entrambe le leccarde, utilizzate il forno con funzione ventilata.

4,7 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Paola

Mi chiamo Paola, per gli amici Paviola. Il tuo pensiero è importante per me, lascia pure un commento, positivo o negativo e ne farò tesoro! Che altro dire? Benvenuti nel mio blog! ♥

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.