Pesto di prezzemolo e noci

Un pesto alternativo da quelli classici? Perché non provare un pesto di prezzemolo e noci? Ottimo per condire pasta di tutti i tipi, ma anche il riso e se amate il suo sapore leggermente amarognolo potete anche spargerne un cucchiaino sulla carne. 🙂 Insomma, una valida alternativa al tradizionale pesto di basilico e un esperimento ben riuscito! 😀

  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Porzioni:
    vasetto da circa 200 g
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Prezzemolo (solo le foglie) 80 g
  • Gherigli di noci 50 g
  • Parmigiano reggiano 50 g
  • Olio extravergine d’oliva 5-7 cucchiai
  • Succo di limone (facoltativo) 5 gocce
  • Sale q.b.
  • Pepe nero q.b.

Preparazione

  1. Lavare bene il prezzemolo, prelevarne solo le foglie e tagliarle grossolanamente. Metterle in un tritatutto, aggiungere i gherigli di noce spezzettati, il parmigiano e qualche cucchiaiata d’olio e.v.o. Procedere tritando a più riprese, fino ad ottenere un composto omogeneo. Amalgamare dentro il tritatutto spento con un cucchiaino, verificando che non ci siano parti ancora da tritare. Aggiungere il restante olio e.v.o., qualche goccia di succo di limone (facoltativo, ma aiuta a prevenire l’ossidazione e quindi l’annerimento, pur non inacidendo il pesto, vista la quantità esigua di gocce), aggiustare con quanto basta di sale e unire una spolverata abbondante di pepe nero. Procedere a frullare ulteriormente a più riprese il pesto, fino ad ottenere una salsa morbida e leggermente granulosa, di consistenza spalmabile. 😛

    Versare il pesto di prezzemolo e noci in una ciotolina. Aggiungere ancora un filo d’olio se si gradisce. Si può conservare in frigo per alcuni giorni coperto da una pellicola. Qualora si volesse conservare in vasetto, aggiungere olio e.v.o. in superficie, per prevenirne l’ossidazione. Può essere conservato anche in freezer ed essere usato all’occorrenza.

    Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche il pesto di menta! 😉

Precedente Idee Dolci per Pasqua 2018 Successivo Sformato di verdure

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.