Peperoni ripieni

I peperoni ripieni sono una ricetta tipica dell’estate, visto che in questo periodo danno il massimo in quanto a sapore. In questa ricetta li ho voluti riempire non di carne, ma semplicemente con formaggio e pane raffermo. Facile e veloce, la potete preparare in anticipo e la potete gustare sia calda che fredda e per questo può essere anche una soluzione per il pic nic.

peperoni ripieni
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:30 minuti
  • Cottura:60 minuti
  • Porzioni:4 persone
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • Peperoni rossi 2
  • Peperoni gialli 2
  • Pecorino romano 100 g
  • Pane raffermo 100 g
  • Aglio 2 spicchi
  • Peperoncino fresco 1
  • Prezzemolo qb
  • Sale qb
  • Olio extravergine d’oliva qb

Preparazione

  1. Prendete i peperoni e metteteli nel forno a 180° per 35/40 minuti circa. Passato questo tempo toglieteli dal forno e metteteli in un sacchetto di plastica e chiudete bene e lasciateli raffreddare.

    Nel frattempo preparate la farcitura. Mettete in un mixer il pecorino e il pane raffermo tagliati a pezzetti, il prezzemolo, l’aglio, il peperoncino  e un pizzico di sale, ed iniziate a frullare. (Fate attenzione con il sale, in quanto il pecorino romano e già sapido di suo.) Quando il composto inizia ad essere quasi del tutto sbriciolato, aggiungete dell’olio, il composto deve diventare morbido, continuate a frullare fino a quando non sarà diventato liscio ed omogeneo. Aggiustate di sale ed eventualmente se dovesse risultare troppo asciutto aggiungete ancora dell’olio e mescolate.

  2. Prendete i peperoni, che saranno già freddi, ed iniziate a spellarli e poi dividete ognuno in 4 parti.

    Disponete su ogni falda di peperone un poco di composto ed arrotolate il tutto. Metteteli in una pirofila ed infornate a 180° per 10 minuti.

    Serviteli caldi, ma anche freddi sono buoni.

Note

Se vuoi essere sempre aggiornato segui IOINCUCINA su Facebook e Pinterest

Precedente Ricetta della finta pizza Successivo Frittata al forno con gambi di tropea

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.