coniglio in umido con funghi e olive nere

Il coniglio è una pietanza che a casa nostra si mangia abbastanza spesso. Al forno, al tegame, alla brace, ripieno e in umido. Appunto in umido, ma con l’aggiunta di qualche ingrediente per renderlo ancora più sfizioso. Il fondo è fatto con solo cipolla e aglio, ma l’aggiunta di funghi champignon e olive nere di Gaeta lo rende veramente buono. E per rendere questa pietanza ancora più squisita, potete servirla con polenta oppure con riso pilaf o magari con delle fette di pane abbrustolito.

coniglio in umido con funghi e olive nere

 

 

Coniglio in umido con funghi e olive nere

INGREDIENTI per 4 persone

  • 1 coniglio
  • 1 cipolla bianca media
  • 2 spicchi di aglio
  • 500 gr di olive nere di Gaeta
  • 500 gr di funghi champignon
  • 1 bicchiere vino bianco
  • 1/2 lt di brodo vegetale
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • olio EVO
  • sale
  • pepe

PREPARAZIONE

Tagliate la cipolla a fette sottili e schiacciate gli spicchi di aglio e fateli rosolare in un tegame con dell’olio fino a quando non saranno appassiti. Nel frattempo pulite il coniglio dagli eccessi di grasso, togliete il fegato e i rognoni tagliatelo a piccoli pezzi.

Quando il trito di aglio e cipolla sarà appassito, mettete i pezzi di coniglio a insaporire, lasciandoli rosolare ben bene da tutte le parti per una ventina di minuti circa. Bagnate con il vino e quando sarà evaporato aggiungete il concentrato di pomodoro sciolto nel brodo e lasciate andare per circa 10 minuti.

A questo punto aggiungete i funghi (volendo per dare ancora più sapore, potete aggiungere dei funghi porcini secchi fatti rinvenire in acqua tiepida) , le olive nere, il fegato e i rognoni aggiustate di sale e pepe coprite con un coperchio e lasciate andare, a fuoco basso,  ancora per 20/30 minuti circa.

Se passato questo tempo il fondo di cottura risulta ancora abbastanza liquido, togliete il coperchio, alzate la fiamma e fate addensare il tutto. Durante questa operazione prestate attenzione perché il fondo si può asciugare molto in fretta.

Precedente cappellacci di zucca al ragù Successivo funghi gratinati al forno

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.