Castagnole veloci

Le castagnole, dette anche favette, sono un dolce di carnevale tipico della mia zona (e non solo). Oggi ho provato questa ricetta che ho visto alla Prova del Cuoco e siccome sono state veloci nel prepararle, ho pensato bene di provarle anch’io. Posso assicurarvi che sono veramente veloci da preparare e sono anche molto buone.

castagnole veloci
  • Difficoltà:Molto Bassa
  • Preparazione:10 minuti
  • Cottura:10 minuti
  • Porzioni:30 pezzi
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • Farina 0 150 g
  • Zucchero 20 g
  • Olio di semi 50 g
  • Uova 2
  • Limoni e il suo succo 1
  • Arance 1
  • lievito per dolci 1/2 cucchiaino

Preparazione

  1. In una ciotola mettete le uova intere, l’olio e lo zucchero. Mescolate con una frusta a mano fino a quando gli ingredienti non si saranno ben amalgamati. Aggiungete il succo di e la scorza grattugiata di un limone e la scorza grattugiata di un’arancia. In questo momento potete aggiungere, se lo gradite, mezzo bicchierino di liquore a vostro piacere, io non l’ho aggiunto perché a noi non piace. A questo punto, aggiungete la farina setacciata a cui avrete aggiunto il lievito per dolci e mescolate ancora, fino ad ottenere un impasto omogeneo e morbido.

    Mettete sul fuoco un tegame profondo con l’olio e fatelo arrivare a 170°. Mettete l’impasto in una sac a poche, o se non lo avete in un sacchetto per congelatore e fate un foro in  un angolo e fate cadere l’impasto direttamente nell’olio,  tagliandolo a tocchetti con un paio di forbici. Se non siete molto pratiche con la sac a poche, potete usare anche un cucchiaino e far cadere l’impasto direttamente nell’olio.

    Quando sono dorate, scolatele e fatele asciugare su carta assorbente e ancora calde passatele nello zucchero semolato. Io le preferisco le castagnole veloci coperte di zucchero a velo.

Note

Se vuoi essere sempre aggiornato segui IOINCUCINA su Facebook e Pinterest.

Precedente Rustico crescenza e acciughe Successivo Involtini di asparagi con prosciutto cotto e uova

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.