Testa in tartelletta, un antipasto goloso e saporito che vi conquisterà

Testa in tartelletta, un antipasto goloso e saporito che vi conquisterà. Facilissimo da realizzare, ottimo da gustare con gli amici.

Io amo le tartellette, ho iniziato però da poco a realizzarle a mano sia dolci che salate. La testa in tartelletta è la ricetta di questo sabato in collaborazione con fette&ricette del Salumificio Monte Arci. per realizzarla vi consiglio di preparare le tartelle qualche ora prima con la ricetta della pasta frolla salata che vi ho mostrato alcuni giorni fa.

Per donare maggiore sapidità al ripieno ho deciso di utilizzare la ricotta di pecora sarda che resta un poco più salata rispetto a quella dolce. Vi consiglio di acquistarla direttamente dal pastore perchè ha un sapore unico e inimitabile.

  • CucinaItaliana

Ingredienti per la frolla salata

  • 2uova
  • 300 gfarina 00
  • 100 mlacqua
  • 9 cucchiaiolio extravergine d’oliva
  • 1 pizzicosale

Per la farcia

  • 200 gtesta in cassetta
  • 400 gricotta di pecora
  • 1 cucchiaiopatè di olive taggiasche

Preparazione della testa in tartelletta

  1. Prendere una ciotola e mettere prima la farina, fare un fosso al centro e aggiungere gli altri ingredienti e col mestolo in legno amalgamare sino a che esce omogenea.

  2. Poi lavorare il composto sul piano infarinato per alcuni minuti.

  3. È pronta all’uso. Questa è la ricetta della frolla salata poi va messa nei pirottini e fatta cuocere a 180 gradi per 20 minuti in forno pre-riscaldato.

  4. Una volta pronte le tartellette vanno lasciate sfreddare poi si fa un composto di ricotta, un cucchiaio di paté di olive Taggiasche e cubettini piccoli di testa in cassetta e si farciscono con quello.

  5. Decorate con un pochino di paté di olive Taggiasche e un cubettino di testa in cassetta.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
 

Pubblicato da incucinaconramy

Copywriter, blogger lifestyle e food, adoro cucinare, scrivere, disegnare, amo fare giardinaggio, giocare ai videogames. Sono una persona sensibile, timida e riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *