Privacy Policy Bòn da Mát e la rivoluzione in cucina, li ho intervistati per voi

Bòn da Mát e la rivoluzione in cucina, li ho intervistati per voi

Bòn da Mát e la rivoluzione in cucina, li ho intervistati per voi. Ideatori di un a miscela innovativa che si chiama Acquamadre.

Bòn da Mát è una giovane azienda che ha avuto un’intuizione che io reputo a dir poco geniale, la sua Acquamadre® è una miscela 100% egetale che permette agli impasti di lievitare perfettamente rendendoli altamente digeribili. Vi avevo già parlato del loro prodotto di punta nelle mie varie ricette di pizza, donuts e focacce. Ma ora è venuto il momento di presentarvi chi c’è dietro l’azienda e com’è nata l’idea dell’Acquamadre®, leggete questa intervista perchè la storia della sua nascita è davvero molto interessante.

logo social Bòn da Mát

Chi c’è dietro Bòn da Mát?

Dietro Bòn da Mát c’è Pascal Ottaviani, fondatore anche della Baobab Fruit Company. C’è un equipe di persone che portano avanti il brand dal punto di vista operativo, commerciale, nella comunicazione e nella sperimentazione e ricerca di nuove modalità applicative e di nuove ricette.

Com’è nata l’idea di utilizzare un’alternativa tutta naturale al lievito di birra?

L’idea è nata un pò per caso, come tutte le grandi idee. Lavorando con la Baobab Fruit Company nella trasformazione del frutto del Baobab ed essendo la sua polvere un integratore energetico naturale incredibile, capitava che lo si diluisse in acqua mentre si lavorava e nelle giornate molto calde e faticose se ne faceva uso come integratore. Un giorno ne venne dimenticato un contenitore con baobab diluito in acqua e l’indomani quando si tornò nel posto di lavoro venne notata una certa attività fermentativa “selvaggia”. Da questo evento casuale, che ci ha stupido e ha portato delle riflessioni, sono iniziate delle analisi e degli studi che ci hanno portato nelle eccellenze laboratoriali italiane per arrivare a creare via via un prodotto che portasse ad una lievitazione spontanea ma non selvaggia. Da quì attraverso diversi processi di tecnologia alimentare si è arrivati a creare una formula 100% vegetale senza snaturare quello che era il prodotto, lo si è pastorizzato per renderlo sicuro e da qui si è creata la formula del coadiuvante alla lievitazione Bòn da Mát.

Baobab

Avete incontrato particolari difficoltà nella realizzazione del vostro progetto?

Nella fase di formulazione del prodotto, di rendere concreta l’intuizione non abbiamo riscontrato alcuna difficoltà, anzi molta collaborazione e curiosità da parte di tutti i soggetti che hanno concorso e con i quali abbiamo dato vita alla polvere Bòn da Mát. Altra cosa invece è stata imporsi sul mercato, cioè creare un prodotto e costruirsi una propria identità. Lì non è stato facile crearsi anche la propria nicchia stabile in momenti come questo in particolare. Oltretutto i nostri competitor come prodotto sono dei mostri sacri come il lievito di birra e la pasta Madre. Anche se ultimamente abbiamo sviluppato una pasta Madre tutta nostra con Bòn da Mát e Acquamadre come starter e l’abbiamo chiamata Bònda-MADRINA. La difficoltà è quella di costruire un mercato stabile, ci stiamo lavorando tanto, soprattutto sulla comunicazione anche sui social, attraverso il sito e stiamo vedendo i primi frutti, siamo soddisfatti del lavoro svolto e del punto a cui siamo arrivati.

Bònda-MADRINA

Qual’è la prima cosa che vi viene in mente se vi dico la parola tradizione?

La prima cosa che ci viene in mente di fronte alla parola tradizione è innovazione, forse può sembrare un pò paradossale ma questo ci stimola questa parola. Anche perchè come azienda siamo legati a tutto quello che è il percorso, il prodotto tradizionale della panificazione ma ovviamente stiamo proponendo un’idea innovativa e quindi la nostra mission è quella di cercare di sposare in equilibro perfetto questi due poli. Ciò che tradizionalmente viene eseguito in una certa maniera e ciò che poi è innovazione che non snatura quella che è la tradizione. Quindi noi siamo molto interessati a questo connubio che è apparentemente paradossale ma che può coesistere e porta la tradizione a rinnovarsi , non solo a ripetersi ma anche ad essere più legata a quello che può essere l’aspetto dei tempi in cui si esercita la tradizione senza che si perda la funzione socio-antropologica che può essere di diversa natura.

una tra le 20 ricette effettuate nel tour

C’è una ricetta della tradizione che vi porta ricordi felici?

Siamo in tanti nel nostro team, veniamo da tante regioni quindi non c’è una ricetta in particolare. Ma ne abbiamo scelte 20, infatti stiamo svolgendo un’attività sui social, stiamo facendo proprio un progetto di andare in giro per l’Italia con Bòn da Mát e la sua Acquamadre a rivisitare delle ricette tradizionali. E ognuno di noi in questo tour in giro per l’Italia ad incontrare delle ricette tradizionali da innovare attraverso il nostro sistema di lievitazione spontanea. Abbiamo scelto queste 20 ricette con una fatica enorme, perchè la vastità del patrimonio di panificazione che passa dal pane alla pizza, ai lievitati e i dolci, è infinito quindi non è stato facile sceglierle. Sono ricette che proponiamo settimanalmente ai nostri follower e clienti professionisti e non. Quindi avrete a disposizione queste 20 ricette che potete trovare sul nostro sito e nelle nostre pagine social che abbiamo scelto e che ci portano a ricordi felici.

Una località italiana che vi è rimasta nel cuore

Rifacendomi alla domanda precedente che parlava del nostro viaggio di Bòn da Mát e l’Acquamadre in giro per l’Italia a rivisitare le ricette è difficile dire una località che ci è rimasta nel cuore. In questo viaggio ne abbiamo riscoperto all’interno delle regioni, ce ne sono tante. l’Italia così com’è è ricca di tradizione culinaria e di tradizione culturale, paesaggistica, paesistica, architettonica è veramente una Terra mai sazia, come diciamo spesso noi, nè di bello nè di buono. E’ un qualcosa di incredibile, per cui è stato un viaggio che ci ha portato a riscoprire le bellezze e l’incredibile patrimonio che abbiamo, nel cuore abbiamo tutta quanta la nostra Penisola, le sue isole e le sue bellezze.

Avete dei consigli per le nuove generazioni?

Preferiamo dare dei consigli alle nuove generazioni in questo caso di panificatori che siano pizzaioli, panettieri ma anche pasticceri. Ci interessa rivolgere il nostro invito a queste categorie di giovani. Essere curiosi, sperimentare tutto ciò che può essere nuovo e può apportare delle migliorie nell’attività e nel lavoro che si và a svolgere e anche portare innovazioni sui ciò che è consuetudine e routine. E’ un concetto che si sposa e supporta a quello che è il nostro intento con il Bòn da Mát, il prodotto che noi proponiamo. Invitiamo alla curiosità e sperimentazione di questo nuovo metodo che ci ha dato tante soddisfazioni e le sta dando a chi lo fa utilizzo di questa panificazione senza lieviti aggiunti. Porta delle migliorie dal punto di vista della salute, della digeribilità del prodotto. Noi speriamo che sperimentino il Bondamat in particolare ma in generale la curiosità, la sperimentazione e la ricerca indipendentemente dal nostro prodotto.

Ringraziamo l’azienda per la disponibilità e vi invito a seguirli sui social e a visitare il loro sito. Vi segnalo le novità sui loro prodotti, tre starter innovativi nel mondo della panificazione elaborati esclusivamente con l’utilizzo di Acquamadre® Bòn da Mát:

Bònda-BIGA
Ottima alveolatura dei prodotti
Massima esaltazione delle fragranze

Bònda-POOLISH
Di facile preparazione
Perfetto equilibrio tra soft & crunch

Bònda-TINO
Per una rapida maturazione
sia con acqua che con latte

Riferimenti

Facebook https://www.facebook.com/bondamat.it

Instagram https://www.instagram.com/bondamat.it/

Sito ufficiale https://bondamat.it/

 

Pubblicato da incucinaconramy

Copywriter, blogger lifestyle e food, adoro cucinare, scrivere, disegnare, amo fare giardinaggio, giocare ai videogames. Sono una persona sensibile, timida e riservata.