Crea sito

Zeppole San Giuseppe glutenfree

A san Giuseppe, il 19 marzo, c’è l’usanza di preparare  delle zeppole per festeggiare questa ricorrenza.
In effetti la vera zepola è fritta ma per ovvi motivi si usa anche la versione al forno che poi non è altro che una pasta bignè. In questa versione light le zeppole sono buone e si lasciano mangiare risolvendo qualche problema si di gusto che di leggerezza.

Le zeppole fritte vengono farcite sulla superficie di crema pasticcera quelle al forno oltre che essere decorate sulla superficie di crema possono essere farcite di crema anche  l’interno della zeppola. E’ quello che ho deciso di fare in questa versione e cioè ho farcit l’interno della zeppola con crema pasticcera ed una amarena e successivamente ho decorato l’esterno della zeppola con un giro di crema pasticcera e 2 amarene sciroppate

  • Preparazione: 60 Minuti
  • Cottura: 25/30 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 6
  • Costo: Medio

Ingredienti

Pasta bignè

  • 210 g Acqua
  • 200 g farina senza glutine
  • 70 g Burro
  • 4/5 uova medie
  • pizzichi Sale
  • zeste di limone

Crema pasticcera

  • 300 g Zucchero
  • 250 g Tuorli
  • 1 l Latte intero
  • 80 g Farina 00
  • 20 g Amido di mais (maizena)
  • pizzichi Sale
  • zeste di limone
  • q.b. Amarene sciroppate
  • Zucchero a velo (Spolvero)

Preparazione

Pasta bignè

  1. In un tegame mettere acqua, sale e burro e lentamente far sciogliere il burro sul fuoco. Quando si è sciolto completamente far bollire l’acqua per 1 minuto, dopo di ciò versare tutta insieme la farina mescolando energicamente, rimettere la pentola sul fuoco e far cuocere per 2/3 minuti continuando a mescolare fino alla formazione di un blocco unico di impasto che inizierà ad attaccarsi alla base della pentola. A questo punto far raffreddare il pastello e quando è freddo aggiungere le uova 1 per volta verificando che la crema prenda la consistenza di una crema pasticcera solida, cioè alla formazione della zeppola (la base) la punta non deve scendere ma rimanere sostenuta.

    Quando tutte le uova sono state aggiunte trasferire l’impasto in una sac a poche con beccuccio dentellato di metallo di circa cm 1,5.
    Se non siete pratici a formare la zeppola a mano libera disegnate, con l’aiuto di un bicchiere, dei cerchi di 8 cm sulla carta forno. Iniziando dal centro del cerchio disegnare con la sac a poche un giro d’impasto fino a completare il cerchio e senza staccare il beccuccio fare un secondo giro di impasto sul primo a formare un anello. Finite tutte le zeppole cuocere a forno preriscaldato  ventilato a 180° per 25/30 minuti su griglia centrale. A cottura terminata, spegnere il forno lasciando accesa la sola ventilazione, aprire a fessura lo sportello del forno e lasciare le zeppole all’interno del forno fino a che si raffreddino (questo per evitare shock termico e le zeppole si affloscino).

  2. Guarnire la superficie delle zeppole con crema pasticcera sempre con l’aiuto di una sac a poche e decorando la crema con amarene sciroppate.

  3. Spolverare le zeppole co zucchero a velo vainigliato.

Crema pasticcera

  1. Versare il latte in una pentola con le bucce di limone e portarlo quasi a bollore.

    In una ciotola montare i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina, l’amido di mais ed un pizzico di sale. Versare pian piano il latte sulla crema continuando a mescolare per evitare la formazione di grumi. Quando la crema è abbastanza morbida aggiungere il resto del latte. Io la cottura l’ho effettuata al microonde impostando 4 minuti a 750 watt mescolando ogni minuto finchè non verifichiamo che la crema si è addensata. A fine cottura spolverare la superficie della crema con un pò di zucchero semolato e far raffreddare. L’aggiunta dello zucchero in superficie eviterà la formazione della pellicola sulla superficie.

    Chi non vuole usare la cottura al microonde può farla nella pentola sul fornello continuando a mescolare fino a che la crema non risulti bella soda.

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.