Il nome della ricetta che vi propongo oggi è torta angelica, il perchè di questo nome potete scoprirlo dopo il primo morso e non si può spiegare a parole. La ricetta originale prevedeva l’uso del classico lievito di birra, io ho provato invece ad usare il mio lievito madre liquido, per renderla almeno più digeribile dato che renderla più leggera è impossibile.. il risultato è stato stupefacente!

Non è proprio veloce da preparare, ma quando avete una giornata libera provatela e fatemi sapere se ne è valsa la pena.

IMG_3715

 

Ingredienti:

PER IL LIEVITINO

  • 75g di acqua
  • 150g di farina manitoba
  • 150g di lievito madre liquido
  • 1 cucchiaino di malto o zucchero

PER L’IMPASTO

  • 120g di burro
  • 1 cucchiaino di sale
  • 400g di farina manitoba
  • 75g di zucchero
  • 120g di latte tiepido
  • 3 tuorli medi
  • 300g di gocce di cioccolato fondente

PER LA GLASSA

  • 150g di zucchero a velo
  • 1 albume

PER SPENNELLARE

  • 50g di burro fuso

Preparazione:

Per realizzare la torta angelica iniziate col preparare il lievitino: mettete in una ciotola l’acqua tiepida, la farina, il lievito madre e lo zucchero e impastate fino ad ottenere un composto liscio che ridurrete in una palla. Se necessario aggiungete un altro po’ di farina, questo passaggio dipende dalla consistenza del vostro lievito madre, io aggiungo sempre un paio di cucchiai in più di farina per formare la palla. Mettete l’impasto in una ciotola, coprite con della pellicola e poi lasciate lievitare in forno spento con la luce accesa per mezz’ora (dovrà raddoppiare il suo volume). Se il vostro forno è molto freddo all’interno potete scaldarlo fino a raggiungere la temperatura di 30°C e poi spegnerlo e metterci a riposare il vostro impasto, in questo modo la lievitazione sarà facilitata.

In seguito preparate l’impasto: tagliate il burro a cubetti e lasciate ammorbidire a temperatura ambiente (potete fare questo passaggio mentre aspettate che il lievitino cresca), versate nel latte tiepido lo zucchero e poi i tuorli, sbattendo con una frusta per romperli, il sale e unite al tutto la farina (potete fare questo passaggio nella planetaria munita di gancio) quindi impastate.

Aggiungete il burro e lavorate l’impasto per almeno 10 minuti fino a che risulterà ben elastico e si staccherà dalle pareti della ciotola. Quando il lievitino sarà pronto, unitelo all’impasto ottenuto e quindi impastate molto bene per amalgamarli insieme in modo omogeneo; date al composto la forma di palla e adagiatelo in una ciotola imburrata, quindi lasciatelo lievitare per almeno 2 ore fino a che il suo volume sarà duplicato.

Trascorso il tempo necessario, versate l’impasto su di una spianatoia infarinata e, senza lavorarlo, stendetelo con un mattarello fino a formare un rettangolo dello spessore di 2-3 mm; spennellate la sfoglia ottenuta con il burro fuso, cospargetela con le gocce di cioccolato fondente quindi arrotolatela sul lato più lungo lasciando la chiusura sul fondo.

Tagliate il rotolo a metà con un coltello dalla lama sottile e infarinata quindi separate le due parti e intrecciatele avendo cura di tenere la parte tagliata verso l’alto in modo che si intravedano le sezioni e il suo ripieno. A questo punto avrete gocce di cioccolato sparse per tutto il tagliere.. rimettetele al loro posto e continuate 😉

Formate con la treccia una ciambella che porrete in una teglia coperta di carta forno, spennellatela con il burro fuso e lasciatela lievitare 1 ora e mezza in forno sento con la luce accesa in modo che raddoppi il suo volume.

Cuocete in forno a 180°C-200°C per circa 35-40 minuti e a metà cottura controllate che la ciambella non sia troppo scura in superficie, altrimenti copritela con della stagnola e continuate la cottura.

Nel frattempo preparate la glassa: sbattete con una forchetta un albume con 150g di zucchero a velo. Non appena avrete ottenuto una glassa densa, versatela sulla torta angelica appena sfornata.

Provate a variare il ripieno con crema pasticciera e uvetta o con un mix di gocce di cioccolato e uvetta, oppure con qualsiasi altro ripieno vi venga in mente!

IMG_3713 IMG_3718

4 Comments on Torta angelica con lievito madre

  1. Ciao.
    Vorrei provare la vostra versione, con lievito madre liquido. Ho qualche dubbio sui tempi che indicate per le varie fasi. Possibile che, con lievito madre, l’impasto riesca a lievitare così velocemente?
    Grazie per l’interessamento
    Cordiali saluti
    Andrea

    • Ciao Andrea, in effetti a un anno di distanza dalla scrittura dell’articolo mi rendo conto che 2 ore per la prima lievitazione sono un po’ poche, comunque i tempi sono estremamente indicativi, possono variare in base alla tua pasta madre, alla temperatura e tante altre cose (per esempio in ricette che ho rifatto che prevedevano 8 ore di lievitazione a me ne sono bastate 5 o addirittura 3), basati sul volume, con quello non sbagli, vai al raddoppio, la mia pasta madre ci mette circa 4 ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.