Mi piace fare il pane, lo trovo rilassante, ogni settimana cerco di inventarmi qualcosa di nuovo, nuovi ingredienti, accostamenti particolari o forme originali. Capita però che qualche volta non abbia voglia di pensare, non abbia fantasia e non abbia idea di cosa inventarmi, così ripiego sulla ricetta più sicura e collaudata che ho, con le mie farine preferite e semplice semplice.

Pane semi-integrale

pane semi-integrale

Ingredienti:

  • 500 g di farina 1
  • 250 g di Manitoba o semola
  • 250 g di farina integrale
  • 650 ml di acqua
  • mezzo bicchiere di olio
  • 300 g di pasta madre rinfrescata
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 cucchiaio raso di sale

Cominciate facendo un’autolisi con tutte le farine e 500 ml di acqua, mettete tutto in planetaria e mescolate grossolanamente, senza impastare, e lasciate riposare coperto per 40 minuti o 1 ora.

Trascorso questo tempo aggiungete la pasta madre a pezzetti e il miele e cominciate ad impastare, con il gancio. Mentre la planetaria è in azione aggiungete poco alla volta il resto dell’acqua, la quantità necessaria dipende molto dal tipo di farina che utilizzate, quindi, se vedete che il vostro impasto è troppo molle o l’acqua fa fatica ad assorbirsi, fermatevi, non è necessario che la aggiungiate tutta.

Dopo aver aggiunto l’acqua, aggiungete il sale, poi per ultimo l’olio, anche questo poco alla volta.

Una volta che il vostro panetto è ben incordato, attaccato al gancio e staccato dalle pareti, spegnete la planetaria e fate riposare l’impasto per 10 minuti.

Dopo il riposo fate 2 o 3 serie di pieghe a 3 a distanza di circa 20 minuti, in base alla consistenza del vostro impasto decidete quante serie farne, dovrà diventare bello sodo e mantenere la forma, ovvero non dovrà allargarsi troppo una volta fatta la palla. Quando pensate che il vostro impasto vada bene fate lievitare fino al raddoppio o mettete in frigo, io di solito lo lascio fino al giorno dopo, dato che ho la mattina sempre impegnata. Voi organizzatevi con i vostri tempi e le vostre necessità.

Una volta che avete l’impasto lievitato e a temperatura ambiente date la forma al pane: stendete l’impasto in un rettangolo, piegate verso il centro i due angoli del lato corto del rettangolo e poi arrotolate nel senso della lunghezza. Chiudete bene il filone e adagiatelo con la chiusura verso l’alto su un canovaccio spolverizzato di farina, poi chiudete stretto il canovaccio con delle mollette.

Fate lievitare fino al raddoppio, il mio impiega circa 1h 30/2h, poi rovesciate il pane sulla teglia del forno (io la faccio scaldare dentro il forno, in modo che sia bollente) e praticate dei tagli con un lama molto affilata o un bisturi.

Infornate e cuocete il pane a 230°C per 20 minuti con un pentolino di acqua bollente, poi a 180°C per 40 minuti senza pentolino. Per creare una bella crosta croccante alla fine lasciate il pane in forno caldo ma spento con lo sportello semi-aperto per 15 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare il filone in piedi e appoggiato ad un parete.

pane semi-integrale3 pane semi-integrale2

2 Comments on Pane semi-integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.