Il pan di polenta è un pane un po’ particolare che prevede l’uso di farina di polenta oltre alla farina bianca tradizionale. Io sono fissata con la farina integrale, quindi l’ho fatto con tre farine diverse: la farina 1, quella integrale e quella di polenta. Se non avete quella integrale la potete sostituire tranquillamente con quella bianca, di tipo 1 o 00.

Anche questa volta ho usato il lievito madre fresco, se non lo avete potete usare il lievito madre disidratato che trovate al supermercato o quello di birra, seguendo le dosi scritte sulle confezioni.

 

Pan di polenta

Ingredienti:

  • 550 ml di acqua tiepida
  • 500 g di farina di tipo 1 o 00
  • 330 g di farina integrale
  • 170 g di farina di polenta (farina di mais)
  • 300 g di lievito madre
  • 2 uova piccole sbattute
  • 3 cucchiaini di sale
  • 1 cucchiaino di miele
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiaini si succo di limone

Preparazione:

Cominciate mettendo in autolisi le farine con 450 ml di acqua, mescolate grossolanamente e lasciate riposare per un’ora.

Aggiungete nella planetaria con le farine in autolisi il lievito, il miele, il succo di limone e le uova sbattute e cominciate a mescolare con il gancio.

Quando l’impasto comincia a staccarsi dalle pareti, con la planetaria in azione, versate l’acqua restante a filo e continuate a mescolare finché l’impasto non è ben incordato e si stacca dalle pareti arrotolandosi al gancio.

Per ultimo aggiungete l’olio a filo e continuate ad impastare finchè l’impasto risulta liscio, omogeneo e ben incordato.

Se l’impasto è molto morbido, fate un giro di pieghe in ciotola, aspettate 30 minuti e fate un’altro paio di giri di pieghe a tre sul tagliere finchè non otterrete un impasto ben sodo e asciutto. Ricordatevi di far riposare la pasta circa 30 minuti tra un giro di pieghe e l’altro.

Mettete l’impasto in una ciotola coperta con la pellicola e un telo nel forno spento con la luce accesa. Lasciate lievitare per circa 4 ore o fino a raddoppio o mettete l’impasto in frigo facendolo maturare per 8-10 ore.

Passato questo tempo date la forma al pane e ponetelo in un canovaccio ben infarinato e chiuso con delle mollette facendolo lievitare fino al raddoppio. Fate attenzione a porre la chiusura del pane verso l’alto, in modo che ribaltando la pagnotta sulla leccarda del forno il pane risulti con la chiusura verso il basso. Questo è importante per far crescere bene il pane in cottura.

Quando è lievitato, ribaltate il pane sulla leccarda del forno ben calda, praticate dei tagli sulla superficie con una lama ben affilata e infornate a 230°C per i primi 20 minuti con un pentolino di acqua calda, poi per 40 minuti senza pentolino a 180°C. Ultimata la cottura, lasciate il pane per altri 15 minuti nel forno spento con lo sportello aperto per far formare una bella crosta croccante.

Fate raffreddare il pane in piedi e gustatelo con una fetta di salame e una di formaggio!

 

Pan di polenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.