Sapete cos’è un babka? Il babka non è altro che un morbido pan brioche intrecciato in maniera scenografica con la vostra crema alla nocciola e cacao preferita.
Da qualche tempo seguo Cucina Botanica (credo che la conosciate tutti, se non lo fate cercatela su instagram o youtube se state cercando di orientarvi verso un’alimentazione vegetale) e qualche tempo fa ha pubblicato la ricetta di questo babka vegano, presente anche nel suo libro.
Non potevo non provarla essendo amante dei pan brioche e della crema spalmabile alle nocciole e cacao.
Ho modificato leggermente le dosi dei liquidi e adattato le quantità alla pasta madre che uso sempre per i miei lievitati.
Questo babka vegano alla crema nocciola e cacao è subito salito in vetta ai miei pan brioche preferiti, morbido, soffice, profumatissimo e soprattutto, lo ripeto, vegano!

babka veg
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di cottura1 Ora 15 Minuti
  • Porzioni10-12
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaPolacca

Ingredienti per un babka vegano di circa 40×16 cm

  • 570 mllatte di soia
  • 300 gpasta madre (oppure 16 g di lievito di birra secco)
  • 1 kgfarina (io ho usato 200 g di farina integrale, 200 g di farina per panettone e 600 g di farina 1)
  • 200 gzucchero muscovado
  • 2 cucchiainisale
  • 2 cucchiainicannella in polvere
  • 170 gburro di riso (la ricetta originale prevede 140 ml di olio di semi)
  • q.b.crema spalmabile alle nocciole e cacao

Preparazione del babka vegano

  1. babka vegano

    Impastate il babka vegano: sciogliete il lievito madre (o il lievito di birra) con una parte del latte di soia e un cucchiaio della dose di zucchero di canna. Unite il lievito sciolto in questo modo alla farina, il resto dello zucchero di canna muscovado e alla restante dose del latte di soia. Impastate fino ad ottenere un composto bello liscio e alla fine aggiungete poco alla volta il burro di riso nel quale avrete mescolato il sale e la cannella. In caso usiate l’olio non ci sarà bisogno di mescolarlo insieme al sale e alla cannella, aggiungete semplicemente l’olio poco alla volta e per ultimi il sale e la cannella.

    Lasciate lievitare l’impasto in un luogo tiepido (che può essere benissimo il forno spento con la luce accesa) finchè sarà raddoppiato di volume.

    A questo punto stendete l’impasto in un rettangolo il più preciso possibile (fig. 1) e spalmateci sopra la crema di nocciola e cacao lasciando un po’ di bordo libero in modo che non fuoriesca troppo nelle fasi successive (fig. 2).

    Arrotolate il lato più lungo del rettangolo fino a formare un rotolo, poi tagliatelo a metà nel senso della lunghezza evitando di tagliare il lembo più in alto (fig.3).

    Intrecciate a questo punto le due sezioni del rotolo una sopra l’altra (fig. 4) fino ad ottenere la treccia tipica del babka (fig. 5). Spostate infine la treccia così ottenuta in uno stampo da plumcake di circa 40×16 cm unto con staccante spray o olio di semi.

  2. Coprite il babka con pellicola e fate lievitare nuovamente fino a raddoppio di volume in un luogo tiepido.

    Infornate poi a 180°C per circa 1 ora e 15, se avete un termometro a sonda, la temperatura al cuore del babka dovrà essere circa 92-94°C.

    Se volete evitare che la crema nocciola e cacao si secchi in cottura, coprite il babka con un foglio di carta stagnola.

Conservazione

Il babka vegano alla crema di nocciole e cacao si conserva per 3 o 4 giorni in un sacchetto di plastica, manterrà perfettamente la sua morbidezza iniziale.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.