Pasta alla carbonara con carciofi

 

La ricetta della pasta alla carbonara con carciofi è una variante della carbonara classica  L’ingrediente da aggiungere sono ovviamente un altro classico della cucina romana, ossia i carciofi; per la precisione, come sempre, mammole, grosse ma soprattutto carnose.

  • DifficoltàMedio
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 2carciofi (Mammole)
  • 300 gPasta (spaghettoni toscani, spaghetti o bucatini)
  • 4Uova (4 tuorli e 2 albumi (ma molti usano solo i tuorli))
  • q.b.pepe (miscela (bianco, nero, di Sichuan aromatico))
  • q.b.Olio di semi di arachide (solo per i carciofi)
  • 150 gGuanciale (Berardi (fatto apposta per la carbonara))
  • 100 mlOlio di semi di arachide
  • Acqua

Preparazione

Preparazione del piatto

  1. Anzitutto pulite i carciofi. Ci sono diversi modi per preparare le mammole in questa ricetta. Potete cucinare i carciofi alla romana oppure alla giudia. Dovete scegliere solo se li volete croccanti o no. In realtà in questo piatto si abbinano al guanciale croccante ed a me sembrava eccessivo ed ho scelto il primo procedimento. Poi li dividete a spicchi oppure li esfoliate, oppure ancora li mettete nel frullatore e li tritate finemente fino a trasformarli in crema. Poi prendete le fette di guanciale, togliete la cotenna e tagliatelo a strisce. Mettete le strisce in una padella, assolutamente a secco,  fuoco il + basso possibile, per fargli rilasciare l’olio. Munitevi di cucchiara di legno per girarli e non farli bruciare.   Mentre il guanciale si abbrustolisce (ma non togliete mai l’occhio), preparate la carbonara.
    Spaccate a metà le 4 uova e prelevatene il tuorlo (oppure 2 albumi e 4 tuorli). Per i tuorli aiutatevi con una schiumarola che vi renderà l’operazione facilissima. Mettete in una ciotola le uova (+ gli eventuali albumi), ed aggiungete per ora la metà del pecorino.

Preparazione della ricetta pasta alla carbomara con carciofi

  1. Mettete l’acqua sul fuoco e fatela bollire. Poi buttateci dentro la pasta.

  2. Quando saranno passati 5 minuti dal momento in cui avete buttato la pasta, versate con un cucchiaio l’acqua nel recipiente con il pecorino ed amalgamate il tutto con una frusta manuale o con un miscelatore. Poi aggiungete buona parte del trito di carciofi, tenendone un po’ da parte per decorazione.

  3. Quando mancheranno uno o due minuti al termine della cottura della pasta, scolatela e versatela nella padella del guanciale per fare terminare la cottura.

  4. Quando la cottura sarà terminata mettete nella pastiera la pasta con il guanciale la crema o gli spicchi di carciofi. Infine impiattate e servite a tavola decorando con foglie di carciofo, pecorino, un po’ di crema di carciofi se volete; insomma a piacere.

Note

Se non avete voglia di fare i carciofi potete benissimo fare una buonissima

Pasta alla gricia, o amatriciana bianca
Senza categoria
Precedente Cavolo cappuccio, proprietà in cucina e ricette Successivo Bocconcini di fiori di zucca al forno

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.