Panna montata allo sciroppo d’agave

 

La panna montata allo sciroppo d’agave è pronta in soli dieci minuti. Può insaporire il tuo dessert in modo naturale, ma bada a non abusarne.

Lo sciroppo d’agave, ha origini naturali e non sintetiche e quindi fa meno male dello zucchero raffinato. Tuttavia questo dolcificante non è indicato per i diabetici a causa dell’alto contenuto di fruttosio.

Panna montata allo sciroppo dagave
  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: mezzo litro

Ingredienti

  • mezzo l Panna fresca da cucina
  • 3 cucchiai sciroppo d'agave (lo trovate in qualunque supermercato)

Preparazione

Organizzazione del piatto

  1. Fate raffreddare gli attrezzi che vi serviranno come detto sopra. Quindi mettete in frigo almeno un’ora la panna fresca in una ciotola d’acciaio, la frusta e qualunque cosa con cui lavorerete. E dotatevi di un paio di guanti perchè lavorare con le cose molto fredde potrebbe darvi fastidio. Sopratutto gli oggetti in metallo rischiate che vi si attacchino alle mani.

    [mc4wp_form id=”1544″]

    Munitevi di una pellicola trasparente da cucina tipo Domopak.

Preparazione

  1. Fatto raffreddare il tutto? Bene.

    [mc4wp_form id=”1544″]

    Ora inserite le fruste nella panna e azionatele alla prima velocità. Iniziate a montare la panna aumentando la velocità poco a poco fino ad ottenere o una panna semi-montata (utile per preparare per esempio delle mousse) o una panna montata ferma.

    Unite lo sciroppo d’agave solo alla fine, mescolando bene. Badate a quanto ne usate, è più sano ma più dolce dello zucchero; se ne usate troppo per i vostri gusti la panna assumerà un gusto stucchevole.

    Conservate la panna in frigorifero coperta con pellicola trasparente fino a quando non la dovrete usare. Ma ricordate che è panna fresca e quindi inacidisce in una giornata, due al massimo.

    Adesso che avete la panna montata fatta in casa, potete sbizzarrirvi in cucina con moltissimi dolci.

     

Abbinamento vino

  1. Qualunque vino dolce va bene. Moscato, Valpolicella o anche un prosecco.

Note

Attenzione allo sciroppo qualunque sia, si incrosta su qualunque cosa in modo incredibile. Qualunque utensile o stoviglia che lo contenga, va lavata immediatamente dopo l’uso.

/ 5
Grazie per aver votato!
Senza categoria
Precedente Scaloppine al marsala Successivo Il sale: tipologie ed aspetti negativi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.