Bucce fritte di fichi d’India

 

Le bucce fritte di fichi d’India una ricetta un po’ particolare che fa parte della cucina tipica povera ed antica del Salento.

Ingredienti del piatto bucce fritte di fichi d’India

1kg. di fichi d’India
6 tuorli d’uovo
200 grammi di farina
olio q.b.
sciroppo d’acero q.b. (come sapete sono contrario all’uso dello zucchero raffinato) per rendere il piatto consumabile anche dai diabetici.

Organizzazione del piatto

Lasciate a bagno per almeno un’ora il vostro bel chilo di fichi d’India, in acqua fresca. State attenti a cambiare l’acqua almeno due volte. Questa operazione fa perdere ai frutti la maggior parte di quelle scomode e durissime spine presenti sulle bucce dei frutti.
Sbucciate poi i frutti e scegliete attentamente le bucce piu’ morbide e mature. Togliete loro la pellicina che non si digerisce facilmente e potrebbe dare fastidio ai commensali.
Rompete ogni uovo con la maggior precisione possibile a metà. Poi travasate più volte i tuorli da un guscio all’altro per eliminare l’albume.
Sbattete i 6 tuorli d’uovo così ottenute e metteteli in un piatto fondo.
Passate le bucce che avete scelto in fase di preparazione nei tuorli d’uovo e nella farina alternativamente facendo in modo che si impregnino il meglio possibile.

Preparazione del piatto

Friggete le bucce ripassate nei tuorli d’uovo precedentemente preparati in abbondante olio bollente. Una volta dorate tiratele fuori dall’olio e decoratele con lo sciroppo d’acero.

E’ un piatto ottimo, estivo dal buonissimo sapore ma anche molto dolce, quindi potrebbe non piacere a tutti. Anche se non appare nella ricetta originale può essere corretto con qualche ingrediente per contrastarne la dolcezza. Per esempio può essere accompagnato al lime, o anche ci si può bere una buona birra per accompagnarlo. Può essere presentato facilmente alla fine della cena, ma io l’ho presentato con anche a merenda con un buon successo.

Non mi resta che augurarvi buon appetito.

bucce-fritte-di-fichi-dindia

Precedente Fico d’India: proprietà, calorie e benefici Successivo Pomodori ripieni di crema di lattuga, peperoncino e olive verdi