Brodo vegetale

 

Brodo vegetale: un’altra base vegan e senza glutine che serve moltissimo, alternativa e molto più salutare del brodo di carne. Prossimamente preparerò il risotto…quindi quello che ho fatto lo congelo e lo userò successivamente.

Risultati immagini brodo vegetale
  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 1h30m – 2 Ore
  • Porzioni: 1 litro
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • q.b. Sale grigio di Bretagna (sale speciale per le verdure bollite.)
  • q.b. patate
  • q.b. cipolle
  • q.b. Carote
  • q.b. sedano (con tutte le foglie)
  • q.b. Pomodori
  • q.b. Sale (Rosa dell'Himalaya)

Preparazione

Organizzazione del piatto

  1. Risultati immagini brodo vegetale

    Lavate bene le verdure.

    Sbucciate le cipolla togliendo anche l’anima interna verde ed indigesta;

    Raschiate la carote con un coltello.

    [mc4wp_form id=”1544″]

    Private della pelle i pomodori, magari togliendo i semi interni (personalmente non li sopporto).

    Passate di nuovo le verdure sbucciate (ECCETTO LA CIPOLLA che altrimenti perde molte delle sostanze nutritive) sotto l’acqua per eliminare le impurità.

Preparazione

  1. Mettete l’acqua in una pentola ampia, con i bordi molto alti; aggiungete tutte le verdure, dosate di sale e versate un filo d’olio extravergine.

    Lasciate cuocere il brodo per circa 40 minuti a fuoco basso con il coperchio, in modo tale da favorire la cottura degli ortaggi. Per ottenere un buon risultato è necessario mantenere un leggero bollore costante, il segreto sta nel procedere con una cottura lenta.

    Terminato il tempo di cottura, lasciate intiepidire il brodo e successivamente filtratelo. Adesso avrete a disposizione un ottimo brodo vegetale ideale per ogni tipo di preparazione e delle verdure lesse (e gustose) che potrete utilizzare come contorno dei vostri secondi piatti, ma anche assoluto mettendo dentro magari dei crostini come faccio spesso.

    Il brodo vegetale pare fatto apposta per essere usato dai vegani perchè non contiene assolutamente proteine animali. Ci si può mettere il bollito, la pasta, il pesce, il pane o i crostini. Per il suo alto contenuto di vitamine è ideale per chi non si sente troppo bene, per le persone avanti con l’età ed in caso di periodi di freddo intenso. Non ha alcun tipo di controindicazione.

Note

Per un buon brodo vegetale occorrono pochi ingredienti e potete anche usare gli scarti della cucina. Ma ciascuno darà il suo contributo al suo sapore.

Per esempio, le foglie del sedano lo insaporiranno maggiormente. I chiodi di garofano, innestati nella polpa dell’ortaggio che volete, possono dare un gusto speziato. La qualità di cipolla può dare forza al gusto. Mettere semplicemente carote e patate darà un sapore molto alleggerito che farà invece risaltare la preparazione per il quale volete eventualmente utilizzarlo.

Il brodo è un qualcosa che si può variare molto in relazione all’utilizzo che se ne voglia successivamente fare. Io lo faccio molto molto semplice, carote, patate e sedano senza foglie e stop; poi lo congelo e poi, quando lo devo utilizzare, ne modifico il sapore secondo l’esigenza.

Si può anche aggiungere per esempio al brodo vegetale dei pezzi di carne per insaporire; per esempio tagli di manzo o di vitello. Il brodo risulterà tanto più saporito quanto più la carne avrà grasso da sciogliersi nel brodo. Ma soprattutto sono le ossa ed i tessuti connettivi che possono dare sapore.

Per quanto riguarda il sale, in genere viene messo nella pietanza definitiva e passa da questa al brodo; considerato che altro sale è contenuto naturalmente negli ingredienti, in generale è meglio lasciarlo sciapo o risulterà salato.

Infine una cosa importantissima: la temperatura. Se volete il brodo buono, dovete mettere gli ingredienti nell’acqua fredda; ed è il nostro caso. Se invece volete un lesso buono (e lo vedremo prossimamente), dovrete mettere gli ingredienti nel brodo caldo. Questo perchè per osmosi le sostanze nutritive tendono a passare da dove ce ne sono di più a dove ce ne sono di meno.

/ 5
Grazie per aver votato!
Senza categoria
Precedente Risotto ai funghi Successivo Carciofi alla giudia a doppia frittura

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.