Abbattitore

 

Che significa usare un abbattitore

Usare un abbattitore non significa prendere a colpi di mazza ferrata qualcuno o qualcosa.

L’abbattitore è uno contenitore simile al freezer che abbatte le temperature dell’alimento che si vuole consumare in modo molto veloce a temperature tra i -20 e – 40°C. Il pesce deve restare a queste temperature per un tempo che varia da poche ore fino a più giorni in dipendenza della macchina utilizzata e della temperatura. I ristoranti hanno l’obbligo di osservazione di una normativa europea del 2004 che obbliga l’abbattimento a tutti gli esercizi che vendono o servono pesce crudo. Quindi, se volete consumare pesce crudo, chiedete prima se è stato abbattuto.

Se ve lo fate in casa si possono facilmente trovare abbattitori casalinghi. Ma potete anche trovare al supermercato pesce già abbattuto, o chiedere al pescivendolo se ve lo fa tenendo presente che l’abbattitura ha i suoi tempi e quindi il pesce va ordinato con anticipo.

Abbattitore
Abbattitore

Perchè mettere il pesce in un abbattitore

Il problema principale è un parassita, l’ Anisakis simplex, le cui larve si distruggono solo se il pesce è ben cotto o abbattuto e che permangono se invece il è solo surgelato, congelato o affumicato. I pesci interessati da questo parassita sono parecchi e vanno dal tonno, al salmone, a sardina, acciuga,

Le larve di questo parassita infettano l’apparato intestinale con una parassitosi acuta o cronica che sorge già dopo poche ore dall’ingestione di pesce crudo e si manifesta con intenso dolore addominale, nausea e vomito. Può interessare fegato, milza, pancreas, vasi ematici e cuore. Può anche aversi uno shock anaflattico e la sua cura può arrivare fino all’operazione chirurgica per asportare la parte dell’intestino interessata.

Ricordate anche che il pesce abbattuto non può essere ricongelato. Il motivo è che i batteri, annullati con l’abbattimento, nell’alimento congelato possono riprendere a svilupparsi. Inoltre ad ogni passaggio, la formazione di cristalli di ghiaccio, rompe le membrane intracellulari, provocando la dispersione di sostanze nutritive presenti a ciascun passaggio.

Ed ora potete farvi un bel Branzino marinato alla mela verde

Precedente Semi di chia Successivo Spelucchino