Crea sito

vellutata di zucca anche con il bimby

La vellutata di zucca è un eccellente piatto autunnale, 
La raccolta delle zucche avviene tra settembre e novembre e ovviamente, è proprio in questo periodo che questo ortaggio la fa da padrone, a cominciare dalla festa di halloween per proseguire con sagre di paese e tradizioni locali.
Con essa si preparano ottimi primi e secondi piatti che potrete trovare nel mio blog cliccando qui sulla mia raccolta.
Ma oggi parliamo della vellutata di zucca, un confort food da gustare alla sera accompagnato da crostini di pane.
Io vi consiglio anche di provarla con l’aggiunta di orzo o pastina da minestra, per un primo piatto un po’ più sostanzioso ma molto piacevole.

vellutata di zucca
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 fettazucca mondata
  • 1Patata
  • 1porro (va bene anche 1/2 cipolla bianca)
  • 300 mlBrodo vegetale
  • 1/2 bicchiereLatte (facoltativo)
  • 1 cucchiainoSale grosso
  • 1 cucchiaioAmido di mais (maizena) (solo se non si aggiunge la pasta o l’orzo)
  • 30 mlOlio di oliva

per condire

  • Olio extravergine d’oliva
  • Parmigiano Reggiano DOP
  • Crostini di pane
  • 1 pizzicoPepe
  • 1 pizzicoNoce moscata (facoltativa)
  • Erba cipollina (facoltativa)

per arricchire la vellutata:

  • gOrzo perlato (o pasta da minestra)

Preparazione

  1. Sbucciare e lavare zucca, patata e porro ( o cipolla) e tagliare in piccoli pezzi.
    In una casseruola capiente scaldare l’olio d’oliva e unire il porro o la cipolla.
    Fare soffriggere per qualche minuto quindi unire la zucca e la patate e fare insaporire ancora per qualche minuto.
    Aggiungere il brodo vegetale e il latte e portare a bollore.
    Lasciare cuocere per una ventina di minuti.
    Con un frullatore ad immersione passare il tutto in modo da ottenere una crema.
    Unire se necessario un cucchiaio di maizena setacciato per rendere la vellutata ancora più cremosa e cuocere ancora per qualche minuto rimescolando con un cucchiaio di legno in modo che non si formino grumi.
    Aggiustare di sale.
    Versare nei piatti e arricchire con olio extravergine d’oliva, parmigiano reggiano, pepe nero, e crostini, io ho aggiunto anche un po’ di erba cipollina.

    Per una versione più ricca si può, una volta passata la vellutata di zucca al mixer, aggiungere orzo o pasta da minestra. in questo caso è utile aumentare un pochino la quantità d’acqua.

preparazione con il bimby

  1. Sbucciare e lavare zucca, patata e porro ( o cipolla) e tagliare a pezzi.
    Mettere il coperchio al bimby, azionarlo da vuoto a velocità 5 e inserire il porro o la cipolla dal foro.
    Unire l’olio d’oliva e far andare 3 minuti, 100° velocità 2.
    Introdurre nel boccale la zucca e la patata a pezzi: 20 sec. velocità 5 poi 3 minuti 100° velocità 2.
    Unire il brodo vegetale (si può anche utilizzare acqua e un cucchiaino di dado vegetale bimby),il bicchiere di latte (facoltativo) e la maisena (solo se si prevede di non mettere la pasta): 20 minuti, 100° velocità 2.
    A fine cottura, lasciare raffreddare 5 minuti e poi omogeneizzare portando la velocità da 1 a 8 e far andare per 20 secondi.
    Aggiustare di sale.
    Versare la vellutata di zucca nei piatti e arricchire con olio extravergine d’oliva, parmigiano reggiano, pepe nero, e crostini, io ho aggiunto anche un po’ di erba cipollina.


    Per una versione più ricca si può aggiungere la pastina da minestra oppure l’orzo: modalità antiorario, velocità 1, 100° per il tempo scritto sulla confezione.

conservazione:

La vellutata di zucca si può conservare  in frigorifero per 2 giorni in un contenitore ermetico, oppure si può congelare.

Dopo aver aggiunto la pasta si consiglia di consumare subito

se questa ricetta ti è piaciuta…

…continua a seguirmi sulla mia pagina facebook  per restare sempre aggiornato sulle novità del mio blog.
Grazie per la tua visita!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.