la polenta – come si prepara

Con farina taragna, fioretto, integrale, bramata o bianca la polenta è un piatto che non può mancare sulle nostre tavole nelle fredde giornate d’inverno.

Cosa serve per una polenta perfetta? Una stufa a legna o un caminetto, un paiolo di rame, e una baita in montagna…ma se tutto questo non è  possibile dovremo accontentarci di farla in una pentola di acciaio dal fondo spesso, sul fuoco a gas.

Almeno evitiamo l’uso della farina istantanea, che sarà anche tanto comoda, ma leva la poca magia che ancora ci rimane, in aiuto ci vengono i vari apparecchi elettrici come bimby, macchina del pane e altro che cuociono la polenta senza dovere mescolare.

Nelle spiegazioni metto le dosi per tre persone considerate comunque che per 1 kg. di farina ci vogliono circa 4 litri d’acqua, quindi se per ogni commensale utilizziamo 100 gr. di farina dovremo fare:

  • 100 g. farina X numero commensali
  • 400 ml. acqua X numero commensali + 50-100 ml. a seconda se si vuole una polenta più o meno soda.

A decretare la consistenza della polenta è anche il tipo di farina utilizzata tra le più comuni:

  • la fioretto:  più fine e cremosa
  • la bramata: più consistente
  • la taragna (miscela di mais e grano saraceno): più rustica

Ecco ora la spiegazione per la polenta fatta a mano.

Per la preparazione con apparecchiature rimando alle spiegazioni sui vari ricettari forniti con il macchinario.

polenta
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    5 minuti
  • Cottura:
    40-50 minuti
  • Porzioni:
    3 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 300 g Polenta
  • 1,2 l Acqua
  • 1 cucchiaio Sale grosso
  • 1 cucchiaio Olio extravergine d’oliva

Preparazione

    • Mettere sul fuoco una pentola con l’acqua.
    • Quando comincerà a bollire aggiungere il sale e versare a pioggia la farina mescolando energicamente con un cucchiaio di legno.
    • Unire anche l’olio abbassare il fuoco e continuare a rimescolare per non fare attaccare la polenta su fondo e perchè non si formino grumi.
    • Dovrà  cuocere a fuoco basso per 40-50 minuti.
    • Verso la fine alzare il fuoco e continuare fino a che non si staccherà dai bordi della pentola.
    • Versare su di un tagliere e servire accompagnata da sughi, salsicce, carne, o formaggi.

Note

Se questa ricetta ti è piaciuta continua a seguirmi sulla mia pagina facebook Gineprina in cucina per restare sempre aggiornato sulle novità.

Precedente contorno di pisellini con prosciutto Successivo pasta gramigna alla carbonara vegetariana

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.