Crea sito

confettura di pesche settembrine selvatiche – cottura bimby

Le pesche settembrine selvatiche crescono nelle campagne senza particolari cure.

Non sono belle da vedere, generalmente piccole e con qualche bitorzolo, ma il loro profumo è delizioso e il sapore della loro polpa non ha paragoni con quella delle pesche acquistate nei negozi.

Quest’anno il mio albero ha fatto molti frutti, ne ho raccolto molti chili e ho prodotto un’infinità di marmellata.

La difficoltà maggiore quando si ha così tanta frutta sta nella  preparazione, ma va considerato  che queste pesche sono completamente prive di trattamenti antiparassitari  e quindi è possibile utilizzare anche la loro buccia.

Va detto che i valori nutrizionali della frutta  si concentrano per la maggior parte proprio nella buccia e nella parte della polpa più esterna e che la buccia  è anche la parte che contiene più fibre.

Una volta cotta la confettura, i piccoli pezzi di buccia che si saranno molto ammorbiditi, si sentiranno appena e renderanno il prodotto ancora più gradevole.

Ho preparato la mia confettura di pesche settembrine selvatiche con il bimby perché a mio parere viene molto meglio che cotta in pentola, ma si può procedere allo stesso modo anche cuocendola in pentola utilizzando un frullino ad immersione per tritare la frutta.

Ovviamente con il bimby ho dovuto frazionare molto il quantitativo di frutta mentre in pentola si ha il vantaggio di poterne cuocere in una sola volta una maggiore quantità.

 

confettura di pesche settembrine selvatiche
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:30 minuti
  • Cottura:50 minuti
  • Porzioni:1,5 kg. circa
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • 800 g Pesche settembrine (selvatiche)
  • 450 g Zucchero
  • 1 Limone

Preparazione

    • Lavare la frutta
    • Con l’aiuto di un coltello tagliare le pesche in due, togliere il nocciolo ed eventuali ammaccature e porre in una ciotola.
    • Attivare la bilancia del bimby e pesare 800 gr. di pesche, chiudere il boccale e far andare per 3 sec. vel 5. Controllare che la frutta si sia abbastanza triturata (pezzetti di ½ cm.)
    • Cuocere la frutta per 10 min. 100° vel 3.
    • Aprire il boccale versare lo zucchero e unire il limone spellato a vivo e privato dei noccioli.
    • Cuocere 30 min. 100° vel 3.
    • Aprire il coperchio e controllare la consistenza della confettura. (va considerato che una volta fredda la confettura diventerà più densa)
    • Eventualmente far andare ancora 10 min. a temperatura varoma vel. 2
    • Versare bollente nei vasetti puliti e sterilizzati lasciando un centimetro di spazio dal bordo e chiudere ermeticamente il coperchio.
    • Capovolgere immediatamente e lasciarli a testa in giù per 5 minuti almeno. Poi raddrizzarli e lasciare raffreddare a temperatura ambiente.
    • Dopo un po’ controllare il tappo: non deve fare clic clac.
    • In caso contrario  far bollire i barattoli in un tegame capiente per circa 30 minuti, con il tappo rivolto verso l’alto e coperti con acqua fino a metà barattolo.
    • Se la confettura  si conserva in frigo e si intende consumarla nel giro di qualche giorno si possono evitare gli ultimi passaggi.

Note

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa rimandiamo alle linee guida del Ministero della Salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.