Castagne allo sciroppo

Se avete raccolto una quantità di castagne e non sapete come conservarle vi suggerisco questa ricetta stragolosa delle castagne allo sciroppo.

É vero, occorrerà un po’ di pazienza perché le castagne andranno sbucciate accuratamente, ma garantisco, ne varrà la pena.

La ricetta mi é stata fornita anni fa da una gentile signora e io la utilizzo ogni autunno.

Le castagne allo sciroppo una volta pronte potranno essere consumate da sole o utilizzate per decorare creme e dessert.

I vasetti  potranno essere anche un’idea regalo, sempre molto graditi.

  • Difficoltà:Media
  • Preparazione:3 giorni
  • Cottura:30 minuti
  • Porzioni:1 barattolo
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • 50 Castagne
  • 400 g Zucchero
  • 1/2 l Acqua
  • Aromi (a piacere)

Preparazione

  1. castagne allo sciroppo
    • Sbucciare le castagne e tuffarle in acqua in ebollizione.
    • Lasciarle bollire a fuoco lento finché si potranno trapassare con uno spillo.
    • Levare la pellicola.
    • Preparare uno sciroppo portando ad ebollizione mezzo litro di acqua, 300 gr. di zucchero e aromi a vostro piacimento (consiglio  un pizzico di vanillina, oppure una stecca di cannella oppure chiodi di garofano) .
    • Lasciare raffreddare lo sciroppo.
    • Mettere le castagne nella pentola assieme allo sciroppo e riscaldarle fino all’ebollizione, al primo bollore togliere la teglia dal fuoco coprirla e lasciarla cosi fino al giorno dopo.

secondo giorno:

    • Scolare tutto lo sciroppo travasandolo in una casseruola, aggiungere ad esso un paio di cucchiaiate di zucchero e farlo bollire per qualche minuto, poi versarlo sulle castagne.
    • Coprire nuovamente la pentola e lasciarla cosi fino al giorno dopo.

terzo giorno:

    • Scolare di nuovo il liquido aggiungere un po’ di zucchero e portarlo ad ebollizione, versarlo poi sulle castagne.
    • Coprire nuovamente la pentola e lasciarla cosi fino al giorno dopo.
    • Accomodare infine le castagne in un vaso di vetro ricoprendole con il loro sciroppo.
    • Chiudere ermeticamente il barattolo.
    • Lasciare il barattolo chiuso al fresco e al buio per un mese,  per ottenere un risultato ottimale.

     

Note

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa rimandiamo alle linee guida del Ministero della Salute.

Precedente polpettone di carne tipo BonRoll Successivo filetto di maiale ai funghi porcini

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.