Crea sito

Risotto al tartufo nero

Il risotto al tartufo nero è un primo piatto dal sapore unico e particolare, che una volta assaggiato, difficilmente si dimentica. L’ingrediente principale è il prezioso tartufo nero, frutto della terra, di cui il Molise è uno dei maggiori produttori a livello nazionale. Un piatto raffinato, adatto alle grandi occasioni, ma anche abbastanza semplice da potersi godere questo lusso ogni volta che se ne ha voglia, perché mangiare bene non vuol dire trascorrere ore sui fornelli o disperarsi su intingoli elaborati, ma scegliere pochi ingredienti, ma di qualità.

risotto al tartufo nero
  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 1 ora e 20 min. Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Alto

Ingredienti

Per il risotto

  • 1 Tartufo nero (medio)
  • 350 g Riso Carnaroli
  • 1 cipolla piccola
  • 1/2 bicchiere Vino bianco secco
  • 2 cucchiai Parmigiano reggiano (grattugiato)
  • 5 cucchiai Olio di oliva
  • 30 g Burro

Per il brodo vegetale

  • 1 l Acqua
  • 1 carota (grande)
  • 1 costa Sedano
  • 1/2 cipolla (piccola)
  • 1 rametto timo
  • 2 foglie salvia
  • 1 Chiodo di garofano
  • q.b. Sale

Preparazione

  1. Mondare le verdure, lavarle e tagliarle a pezzi. Lavare le erbe aromatiche. Mettere le verdure, gli odori e il chiodo di garofano nell’acqua fredda e portare a bollore. Abbassare quindi la fiamma al minimo e lasciar sobbollire il brodo vegetale per circa 1 ora, con il coperchio, ma lasciando uno spiraglio per far uscire il vapore. Salare solo alla fine.

    In una padella ampia e dai bordi alti, che dovrà contenere il riso durante la cottura, far scaldare metà del burro e metà dell’olio e farvi appassire mezza cipolla tritata.

  2. Versare il riso sulla cipolla e, mescolando di frequente, farlo tostare a fiamma bassa, dovrà diventare quasi trasparente. A questo punto irrorare con il vino bianco, aumentare un po’ la fiamma e, sempre mescolando, farlo evaporare.

  3. Abbassare di nuovo la fiamma e iniziare ad aggiungere il brodo, filtrandolo. Non aggiungerlo tutto in una volta, ma solo la quantità necessaria a coprire completamente il riso. Il brodo dovrà essere sempre caldo, quindi consiglio di lasciarlo su fiamma bassissima con il coperchio, fino alla fine della cottura del risotto. Mescolare il riso ogni tanto per evitare che attacchi al fondo. Aggiungere altro brodo, sempre fino a coprire il riso, solo quando la quantità precedente si sarà assorbita. Questo impedirà di arrivare a cottura, per la quale è consigliabile attenersi al tempo indicato sulla confezione, e ritrovarsi una minestra brodosa, al posto di un cremoso risotto.

  4. In un’altra padellina far sciogliere il resto del burro nell’olio rimasto a fiamma molto bassa, aggiungere il tartufo grattugiato e lasciare che rilasci il proprio sapore e profumo nei grassi per circa 5 min.

  5. Una volta cotto, togliere il il riso dalla fiamma e mantecarlo con il tartufo ripassato nell’olio e nel burro. Mescolare bene ed aggiungere il grana grattugiato. Il risotto al tartufo nero è pronto per essere servito bello caldo.

Note

Un po’ di tartufo grattugiato la puoi tenere da parte ed utilizzarlo per decorare i singoli piatti.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.