Risotto ai funghi e piselli con fonduta

Il risotto ai funghi e piselli con fonduta è un primo piatto degno dei grandi pranzi, ricco di sapore e di ingredienti diversi, con una colata finale di fonduta di taleggio, che conquisterà al primo assaggio.

E se tanta bontà dovesse avanzare? Lo trasformiamo in un delizioso sformato di riso al forno, che stupirà tutti, i consigli su come fare in fondo alla ricetta.

Potrebbero interessarti anche:

risotto ai funghi e piselli con fonduta
  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàAutunno, Inverno

Ingredienti del risotto ai funghi e piselli con fonduta

Per il risotto

360 g riso Carnaroli
350 g funghi prataioli (champignon)
250 g piselli
150 g pancetta
15 g cipolla
3 cucchiai olio di oliva
q.b. sale

Per la fonduta

150 g Taleggio
15 g burro
1 cucchiaio farina
250 ml latte
q.b. sale fino

Per il brodo vegetale

2 carote
2 gambi sedano
10 g cipolla
1300 ml acqua
q.b. sale
778,05 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 778,05 (Kcal)
  • Carboidrati 89,51 (g) di cui Zuccheri 9,94 (g)
  • Proteine 29,48 (g)
  • Grassi 34,00 (g) di cui saturi 15,28 (g)di cui insaturi 15,62 (g)
  • Fibre 6,09 (g)
  • Sodio 1.915,39 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 460 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Strumenti per il risotto ai funghi e piselli con fonduta

Bilance pesa alimenti
Tagliere
Coltello
Pentola
2 Padelle
Pentolino
Cucchiai di legno
Mestolo

Preparazione del risotto ai funghi e piselli con fonduta

Per prima cosa bisogna preparare il brodo vegetale, che servirà per portare a cottura il riso.

risotto ai funghi e piselli con fonduta

Lava molto bene le carote e il sedano e taglia a pezzi; sbuccia la cipolla e taglia a pezzi.

Tuffa le verdure nell’acqua fredda e porta a bollore lentamente, a fiamma bassa, in questo modo i vegetali avranno il tempo e la possibilità di rilasciare sapore e aromi all’acqua, creando un buon brodo.

Lascia sobbollire con il coperchio semichiuso, così da far fuoriuscire il vapore, per un’ora circa.

Sala solamente a fine cottura, perché parte del liquido evaporerà e poi rischierai che il brodo venga salato.

Prendi una padella leggermente fonda e abbastanza ampia da poter poi contenere anche il riso, che con la cottura aumenterà di volume, e scalda due cucchiai di olio di oliva.

Sbuccia la cipolla, tritala e rosola nell’olio a fiamma bassa, facendo attenzione che non bruci … è un attimo!

Pulisci e affetta gli champignon e aggiungili alla cipolla, aumenta un po’ la fiamma e fai cuocere per un decina di minuti.

Aggiungi i piselli, se hai usato quelli in scatola che siano ben sgocciolati, e porta a cottura, occorreranno 10 – 15 minuti, mescolando di tanto in tanto, aggiusta di sale.

risotto ai funghi e piselli con fonduta

Una volta cotte le verdure, versa il riso.

Fallo tostare, mescolando spesso, fin quando i chicchi non saranno quasi trasparenti.

risotto ai funghi e piselli con fonduta

A questo punto puoi aggiungere il brodo, ben salato e filtrato, a filo del riso.

Mescola, amalgamando il brodo, poi chiudi con il coperchio e cuoci a fiamma bassa senza più girare, ma facendo attenzione, perché se si dovesse asciugare tutto il liquido e tu non te ne accorgessi, il riso si attaccherà al fondo e brucerà.

Aggiungi altro brodo, solo quando il precedente sarà stato assorbito, mescola, rimetti il coperchio e lascia cuocere.

Continua in questo modo fino a portarlo a cottura, per i tempi controlla sulla confezione del riso che hai scelto. Togli dal fuoco.

Pochi minuti prima del termine della cottura del risotto, fai saltare, in un padellino, la pancetta a dadini insieme a un cucchiaio di olio di oliva.

risotto ai funghi e piselli con fonduta

Quando la pancetta sarà ben dorata, aggiungila al risotto e dai un bella mescolata.

Ho scelto di aggiungere la pancetta solo alla fine e fuori dal fuoco per due motivi:

il primo, perché in questo modo rimane croccante e non diventa molliccia con la lunga cottura con il brodo;

il secondo è che l’olio di oliva, insaporito con il grasso della pancetta, è perfetto per mantecare il risotto e dare ancora più sapore.

Mentre il riso cuoce, prepara la fonduta, … non l’avevo dimenticata!

risotto ai funghi e piselli con fonduta

Sciogli a fiamma bassa il burro in un pentolino.

Senza togliere dal fuoco, aggiungi la farina e mescola.

Unisci il latte, poco per volta, amalgamando continuamente per evitare che si creino grumi.

Quando avrai versato tutto il latte, aggiungi il Taleggio grattugiato con una grattugia a fori larghi, si scioglierà prima, che se tagliato a pezzi.

Lascia addensare la fonduta a fiamma bassa, mescolando senza sosta, per evitare che, addensandosi, si attacchi al fondo del pentolino e si bruci.

Trasferisci la fonduta in una salsiera e tieni in caldo.

Impiatta il risotto ai funghi, piselli e pancetta e versa la fonduta sui singoli piatti, una volta portati a tavola.

Se ti è piaciuta questa ricetta, scopri anche tutte le altre ricette dolci e salate e le mie torte decorate, seguendomi su Facebook, su Instagram, su Pinterest e iscrivendoti al mio canale You Tube e per rimanere aggiornato sugli ultimi articoli attiva gratuitamente le notifiche.

Conservazione

Data la presenza della fonduta, è preferibile consumare il risotto ai funghi e piselli con fonduta appena pronto.

Consiglio

Dovesse avanzare, mescola tutta la fonduta al risotto, trasferisci in una teglia e riponi i frigorifero, al massimo per tre giorni, o in congelatore, all’occorrenza sarà sufficiente scongelare, spolverizzare la superficie con del formaggio grattugiato e infornare.

Otterrai uno squisito sformato di riso talmente buono, che non sembrerà neppure lontanamente una ricetta di recupero.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *