Calamari ripieni cotti in padella

Calamari ripieni cotti in padella

I calamari ripieni cotti in padella sono una ricetta tra le più buone e classiche, perfetta come secondo nei menù di pesce da servire in ogni occasione. I calamari sono dei veri e propri sacchetti che possono essere farciti con ogni ben di Dio.

In questa ricetta li ho farciti con pane ammorbidito con il liquido di cottura delle cozze e delle vongole, che ho poi messo nel ripieno con i tentacoli e le pinne dei calamari stessi, potete già immaginarne il gusto! Ma passiamo alla ricetta nella quale come prima cosa vi mostrerò come pulire i molluschi utilizzati in questa preparazione.

Calamari ripieni cotti in padella

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 calamari (800 g in tutto),
  • 500 g di cozze,
  • 250 g di vongole,
  • 180 g di pane raffermo,
  • 1 uovo,
  • 1 cucchiaio di grana grattugiato,
  • 1 bicchiere di vino bianco,
  • 2 spicchi di aglio,
  • 1 tazzina di olio di oliva,
  • prezzemolo,
  • sale.

Preparazione:

  • img_8118Spurgare le vongole, per eliminare eventuale sabbia presente al loro interno. Eliminate le vongole rotte o aperte (vuol dire che sono morte), sciacquatele sotto l’acqua corrente e mettetele in una ciotola con acqua fredda salata con un cucchiaio di sale grosso. Le vongole devono essere completamente coperte di acqua. Lasciatele in acqua per almeno un paio d’ore.

 

  • IMG_7381IMG_7382Selezionate le cozze, buttando i molluschi aperti o danneggiati e tenendo solo quelli integri. Per pulirle, eliminate il bisso, cioè la barbetta che fuoriesce dal guscio, raschiate il guscio con una retina per pentole non saponata o con un coltello per eliminare eventuali impurità e sciacquatele sotto l’acqua corrente fredda.
  • Trasferite in una pentolina le vongole sciacquate e le cozze, senza aggiungere nessun condimento, e lasciatele cuocere a fuoco basso con il coperchio, finché si saranno aperte. Occorreranno una decina di minuti. Una volta cotte, filtrate il liquido e togliete le vongole e le cozze dal guscio. Tagliate a metà le cozze più grandi.

 

  • Tagliate a dadini piccoli il pane raffermo, raccoglietelo in una ciotola e inumiditelo con il liquido dei molluschi. Lasciate riposare.

 

 

 

  • Pulire i calamari. Per prima cosa, tirate via lentamente i tentacoli dal mantello, con i quali verrà via anche la testa e tenete da parte.

 

 

 

  • Infilate le dita all’interno del calamaro e afferrate la cartilagine trasparente, estraendola. Questa di può buttare!

 

 

 

  • Con un cucchiaio raschiate via le interiora rimaste all’interno del mantello.

 

 

 

  • Incidete appena la pelle del calamaro per tutta la sua lunghezza, facendo attenzione a non tagliare la carne. Afferrate un lembo di pelle e tiratela via, anche dalle pinne. Vi assicuro che è un’operazione semplicissima. Sciacquate i calamari sotto l’acqua corrente, sia all’esterno, che all’interno, facendo attenzione a non romperli.
  • Separate anche le pinne dal mantello e tenetele da parte.

 

 

 

  • Riprendete i tentacoli, adagiateli su un tagliere e  separate i tentacoli dalla testa, tagliando con un coltello affilato poco sotto gli occhi. Se la bocca (una pallina dura) sarà rimasta tra i tentacoli, tiratela fuori con una leggera pressione al centro dei tentacoli e tagliatela via. Buttate la testa e la bocca.
  • Tagliate i tentacoli e le pinne a pezzetti.

 

 

 

  • In una padella versate 1/2 tazzina di olio di oliva e fate rosolare l’aglio, precedentemente sbucciato, e il prezzemolo, precedentemente lavato e asciugato, tritati finemente.

 

 

  • Aggiungete i tentacoli e le pinne tagliate, cuocendo a fuoco medio e dopo una decina di minuti le vongole e le cozze. Salate con moderazione. Alzate leggermente la fiamma e sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco.
  • Evaporata la parte alcolica, togliete dal fuoco e aggiungete il pane ammorbidito e sbriciolato con le mani. Mescolate, facendo assorbire tutto il condimento.

 

 

  • Trasferite il ripieno in una ciotola, aggiungete l’uovo e il grana e mescolate con cura.

 

 

 

  • Riempite di impasto in un sac à poche di plastica e farcite i calamari per i 3/4. Chiudete le estremità con degli stuzzicadenti.
  • Nella padella, già utilizzata per cuocere il ripieno, versate il rimanente olio di oliva e lasciatevi rosolare il secondo spicchio di aglio, sbucciato e tagliato a metà. Aggiungete i calamari e lasciateli cuocere con il coperchio per circa 10 min. salate leggermente e rigirateli delicatamente. Irrorate con l’altra metà di vino e lasciate sfumare un paio di minuti.
  • Salate anche da questo lato, rimettete il coperchio e completate la cottura per altri 10 min. Ricordate che la cottura prolungata rendono i calamari ripieni cotti in padella duri e gommosi.

 

 

  • I calamari ripieni cotti in padella sono pronti per deliziare le vostre papille gustative. Parola di mio figlio!

Precedente Cheesecake alla ricotta e Nutella Successivo Pizza di patate farcita in padella

Un commento su “Calamari ripieni cotti in padella

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.