Melanzane a scarpone

melanzane a scarpone ricetta napoletana

Melanzane a scarpone ricetta napoletana

Una ricetta tipicamente partenopea le melanzane a scarpone sono un piatto in cui il sapore e il gusto delle melanzane viene esaltato in tutta la sua bontà. E’ un piatto che conosco da quando ero bambina della tradizione culinaria di casa mia in cui la melanzana in cottura sprigiona un profumo che non ha eguali: un misto di aglio, origano e pomodoro associato all’odore tipico delle melanzane. In fin dei conti è un piatto semplice che ho sempre gustato con piacere sia nella sua versione più leggera delle barchette di melanzane non precotte sia in questa in cui c’è una pre frittura delle melanzane che dona al piatto finito maggiore consistenza e corposità. Poi con questo ortaggio potete davvero sbizzarrirvi in mille ricette con le melanzane, dalle più complesse come la parmigiana in tutte le sue varianti a quelle più semplici e veloci, in quelle, poi, più gourmet in cui la melanzana viene valorizzata e a sua volta valorizza altri ingredienti. E voi ce l’avete una ricetta del cuore in cui la melanzana la fa da regina?

melanzane a scarpone

Ingredienti per le melanzane a scarpone con ricetta napoletana:

  • 5 melanzane tipo cannelline
  • 2 spicchi d’aglio
  • un ciuffetto di basilico
  • origano q.b.
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • pecorino romano grattugiato q.b.
  • una ventina di pomodorini maturi
  • 10 fette di formaggio tipo caciotta o caciocavallo
  • sale q.b.
  • olio per friggere q.b.

Preparazione delle melanzane a barchetta con pomodorini e basilico

La preparazione delle barchette di melanzane con pomodorini e basilico è semplice ma richiede il passaggio della prefrittura delle melanzane.

Innanzitutto lavate le melanzane e dividetele a metà per il lato lungo, fate dei tagli trasversali all’interno di ciascuna barchetta in entrambi i versi, salatele abbondantemente e fatele riposare almeno per un paio d’ore in modo che perdano la loro acidità.
Dopo che avranno spurgato bene eliminando liquido, passate le melanzane sotto l’acqua corrente per eliminare l’eccesso di sale e, poi, strizzatele un pò.

Procedete a questo punto con la frittura delle melanzane.

In una padella alta mettete dell’olio di semi di girasole e una volta che ha raggiunto la temperatura fate friggere fino a farle rosolare. Scolatele con una schiumarola e riponete su della carta assorbente.

Ora, potete cominciare a preparare le barchette di melanzane con i pomodorini.

In un tegame largo dai bordi alti o in una padella schiacciate la metà dei pomodorini e versate un filo di olio extravergine di oliva. Fate cuocere a fuoco alto e, dopo un pò di minuti, adagiatevi le melanzane già fritte. All’interno della stessa padella condite con qualche pezzettino di aglio, origano, basilico sminuzzato e la restante parte di pomodorini a dadini.

Irrorate con un pó di olio a filo e coprire il tutto con due bicchieri di acqua.

Fate cuocere a fuoco vivo per i primi 10 minuti e a fuoco lento per un’altra mezz’oretta circa, con il tegame coperto da un coperchio. Le melanzane a scarpone saranno pronte quando l’ acqua si sarà asciugata.

Quando manca poco alla fine della cottura aggiungete il pecorino romano grattugiato e il caciocavallo o la caciotta a fettine sminuzzate. Coprite e con lo stesso calore rilasciato dalle melanzane il tutto si scioglierà.

Servite calde con un pó di sughetto e con del basilico fresco e accompagnate con una bella fetta di pane casereccio, magari gluten free la cui ricetta trovate qui

Qualche curiosità: Il nome di questo piatto nel mio dialetto è anche molto simpatico, vale a dire ‘e mulignane a ppacchetelle, dalle due parti delle melenzane (‘pacche) che si ottengono tagliando di lungo le melanzane.

E buon appetito…

                                                            by Annagaia

melanzane a scarpone ricetta napoletana

 

Pubblicato da la mia cucina gluten free

Benvenuti nel mio blog... qui troverete tante ricette tutte, naturalmente, gluten free... Ho scoperto di essere celiaca a 37 anni e da quel giorno ho fatto e rifatto tutto ciò che di commestibile i miei occhi hanno visto... non è stato facile, ma non mi sono data per vinta... oggi dopo un pò di anni dico che la celiachia non è poi così brutta come avevo pensato all'inizio! Non sono una cuoca, tutt'altro, sono un consulente finanziario... quindi tutti... con un pò di buona volontà... possono cercare di raggiungere un obiettivo: le pari opportunità in tavola!!!