Ghirlanda focosa alla carrettiera

Ghirlanda focosa alla carrettiera

Perché nasce la ghirlanda focosa alla carrettiera? Perché io e la mia amica cuochina cookablogger Elena abbiamo pensato a questo lievitato per la “COOKING CHALLENGE 2016 – sfida a 4 mani tra food blogger”.  Un lievitato che nella sua ideazione ha attraversato lo stivale: due menti e due passioni profonde per la cucina… Da una parte quelle di Elena del nord ma di origini calabresi  e dall’ altra, le mie, quelle di Annagaia campana ma vissuta in Calabria per molti anni.ghirlanda focosa alla carrettiera

E quali ingredienti potevano meglio rappresentare queste due anime gemelle in cucina: le mie origini campane son ben rappresentate dai broccoli e salsiccia, ingredienti principe della pizza alla carrettiera e le sue origini calabresi son rappresentate in modo eccellente dalla ‘nduja, ingrediente sempre presente su tutte le tavole della bella Calabria… Il tutto racchiuso in un lievitato delicato: la base della torta angelica salata!

Qui di seguito la mia versione gluten free della ghirlanda focosa alla carrettiera e qui nel blog lacucinadilelina di Elena la versione glutinosa…

Un misto di inebrianti profumi, che non riesco a definire, sono i profumi che sento in casa durante la sua cottura… l’angelica focosa alla carrettiera sollecita tutti i miei sensi!

La ghirlanda focosa alla carrettiera, un intreccio di profumi, che partendo dal di là del Pò ci inebria dalla Campania alla Calabria!

Per la base di torta angelica salata senza glutine io ho usato questo mix di farine gluten free:

  • 200 gr di Agluten
  • 200 gr di Glutafin
  • 150 gr di Revolution

Ingredienti per la ghirlanda focosa alla carrettiera:

  • 550 gr di Mix farina senza glutine
  • 25 gr di lievito di birra
  • 140 gr di acqua + 100 gr di acqua
  • 120 gr di latte
  • 80 gr di olio di oliva
  • 2 uova
  • 10 gr di zucchero
  • 8 gr di sale
  • 1 uovo per spennellare

Ingredienti per il ripieno:

  • 1 chilo di cimette di broccoli di rape crude
  • 2 salsicce profumate al finocchietto e pepe
  • provola affumicata stagionata
  • ‘nduja calabrese senza glutine

Procedimento:

Preparare il lievitino con:

  • 140 gr farina
  • 25 gr di lievito di birra
  • 140gr di acqua
  • 1 cucchiaino miele

Io ho impastato con la macchina del pane utilizzando il programma impasta e lievita. Per cui ho versato tutti gli ingredienti e ho fatto lavorare e lievitare per un’oretta circa. Dopo un’ora il mio lievitino era bello pronto per l’impasto definitivo della torta angelica gluten free.

A questo punto ho proceduto con l’impasto definitivo:

Ho aggiunto al lievitino la restante farina, il latte e l’altra acqua e lo zucchero e ho iniziato a far impastare con il programma impasta e lievita. A mano a mano che venivano assorbiti i liquidi, ho aggiunto le due uova uno per volta. infine ho aggiunto l’olio e il sale e ho fatto continuare a lavorare. Ho lasciato che il programma impasta e lievita finisse, ha una durata di circa un’ora e mezza e ho spento la macchina e fatto lievitare all’interno ancora il mio impasto per la ghirlanda focosa alla carrettiera. In tutto ha lievitato, in questa seconda fase, circa tre ore.

A questo punto ho iniziato a preparare il ripieno:

Ho fatto sbollentare i broccoli in abbondante acqua con un pizzico di sale, una volta cotti, li ho sciacquati sotto l’acqua corrente, e li ho soffritti con olio extravergine di oliva, aglio e peperoncino. Li ho salati e messi da parte. Ho spezzettato la salsiccia togliendola dal budello e tagliato a dadini la provola affumicata. Ho emulsionato la ?nduja necessaria con un pò di olio e messa da parte.

A questo punto ho iniziato ad assemblare la ghirlanda focosa alla carrettiera:

Ho scaravoltato il mio impasto lievitato sulla spianatoia lasciandone da parte un pezzo per le trecce che serviranno per decorare la ghirlanda focosa alla carrettiera. Ne ho fatto, con il matterello, un rettangolo, stendendolo su di un canovaccio infarinato, e l’ho coperto con i broccoli soffritti, la provola, la salsiccia e la ‘nduja di qua e di là.

Vi chiederete a che cosa serve il canovaccio… beh avete mai arrotolato un impasto farcito? E’ complicato, gluten free poi ancora di più, e così è stato molto più facile. Ho arrotolato dunque il mio impasto premendolo ben bene sui lati e ho adagiato il mio salsicciotto ripieno in una teglia tonda a cerniera… Anche questa idea è stata perfetta perchè, una volta sfornata, la ghirlanda era morbida e in questo modo non si è spezzata e ho potuto servirla bella calda. Ho completato il salsicciotto con le trecce, tre grandi e una piccola: con l’impasto rimasto ne ho ricavato dei salsicciotti che ho intrecciato e li ho adagiati sulla parte superiore della ghirlanda.

Ho messo a lievitare in forno con la luce accesa per un paio d’ore, una volta raggiunta la lievitazione ho spennellato con l’uovo diluito con un pò di latte e poi ho cotto in forno preriscaldato a 250° per 45 minuti circa: di cui 25 minuti a 220° con pentolina in forno con acqua e 20 minuti a 200° senza pentolina. Per mantenere la forma della ghirlanda ho messo all’interno del buco un’arancia, che ho tolto a metà cottura!!!ghirlanda focosa alla carrettiera

Ecco come definire la ghirlanda focosa alla carrettiera: ghiotta e gustosa nella sua veste angelica regna regina la nduja avvolta da verdi foglie di rape e grasso maiale profumato al finocchietto… Una poesia per il palato!!! 

                                                                   by Annagaia

 
Precedente Mostaccioli gluten free Successivo VERZA STUFATA CON FINOCCHIETTO SELVATICO

19 commenti su “Ghirlanda focosa alla carrettiera

  1. Davvero una bellissima preparazione! Tu sei il segno vivente che, se ci si impegna, tutto si può riprodurre in versione gluten free!!! Buona volontà e non bisogna mai mollare la presa. Bravissima Annagaia

     
  2. sandra il said:

    La proverò per mio marito, sicuramente ne rimarrà soddisfatto, l’idea del canovaccio è geniale, queste farine nelle formature fanno dannare… Bravissima!!

     

I commenti sono chiusi.