Torta Pasqualina alla Ligure

Print Friendly, PDF & Email

Torta Pasqualina alla Ligure.Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La vera! torta Pasqualina alla ligure: La puoi preparare tutto l’anno, buonissima tiepida o fredda, perfetta per picnic, in Liguria è un piatto Pasquale

Pezzo Pasqualina A

Torta Pasquale salata in crosta multistrato all’olio di oliva friabilissima, con un generoso ripieno di bietole, quagliata, formaggio, uova sbattute e intere. Un piatto per golosi.

Ingredienti difficoltà media
600 gr di farina
500 gr di bietole
5 uova
alcuni funghi secchi
aglio
una cipolla
400 gr di quagliata (“prescinseua”) o in alternativa ricotta
150 g di parmigiano grattugiato
olio extravergine d’oliva
latte
maggiorana
1 pannino raffermo
sale qb
Torta Pasqualina AA

Preparazione: Torta Pasqualina alla Ligure

Impastate la farina con mezzo bicchiere d’olio e acqua sufficiente ad ottenere una pasta morbida e ben lavorata.
Dividete l’impasto in due parti e lasciate riposare per 2 ore coperte da un canovaccio umido
Nel frattempo ammollate i funghi in acqua tiepida, e il pannino raffermo nel latte ,
Poi lavate le bietole, scolatele e strizzatele (fatene un rotolo e tagliatele finemente.)
In una casseruola fate rosolare in poco olio per qualche minuto, la cipolla tagliata fine, aggiungete le bietole e fatele rosolare finche rilascino la loro acqua, ritirate dal fuoco e fate raffreddare

Tritare i funghi con l’aglio e la maggiorana, strizzare bene il pane e sbriciolatelo (tenere tutto a parte)

In un terrina sbattete tre uova, unite il formaggio grana grattugiato, la mollica sminuzzata, la quagliata (o ricotta)
e infine il trito di funghi aglio e maggiorana, precedentemente preparati.

Mescolate e incorporate le bietole, amalgamate bene e salate il composto qb

Ungete una teglia di circa 30 cm. di diametro.
Prendete una palla di pasta e lavoratela sulla spianatoia, con il mattarello sino a ricavarne un disco il più sottile possibile
e grande sufficientemente per ricoprire abbondantemente la teglia.
con la sfoglia ottenuta rivestite la teglia in modo che fuoriesca dai bordi.

Versate quindi il composto, praticate con le dita due buche nel ripieno, rompetevi dentro le 2 uova (possibilmente con il tuorlo intero)
Preparazione Pasqualina
Prendete infine la seconda palla di pasta e ricavate una nuova sfoglia tagliatela a misura della teglia.
Copritela tagliate la pasta in eccedenza e rivoltate verso l’interno i margini in modo da formare l’orlo, premere bene sul bordo.
Emulsionate 3 cucchiai di olio in 1 bicchiere di acqua fino a risultare come una crema fluida
(questo serve per rendere la sfoglia friabile, rallentandone la cottura e ottenere un aspetto più dorato)

versate una parte di emulsione (acqua/olio ), mettete in forno caldo a 190° per circa 30’/40′ minuti, consiglio di spennellare almeno due volte la torta durante la cottura fino a quando la pasta non avrà assunto un bel colore dorato.

Pasqualina in tegame

Sapevi che
Tagliata a triangolini può servire come antipasto.

La Pasqualina all’ origine richiedeva 23 uova, 4 sfoglie di pasta sotto, e ben 33 (come gli anni di Cristo) sopra per ricoprirla di sfoglie sotilissime.
Torta Pasqualina ANIMATA

Precedente Frittelle di Baccalà o (Friscioeu de Baccalà) Successivo Frittata di Formaggio Feta con Insalata Greca