Tortelli di Neccio

Neccio.. una parola che non conoscevo prima di trasferirmi in Toscana. Qui uno dei dolci autunnali più apprezzati è proprio il neccio con la ricotta, una sorta di crepes di farina di castagne riempita con ricotta fresca e arrotolata, ci sono sagre dedicate e i toscani ne sono golosissimi.
Beh, io non sono molto amante dei dolci, certo sono molto buoni ma ero curiosa di provare a realizzare qualcosa con lo stesso principio ma salata, e i tortelli di neccio sì, che sono una goduria! Una pasta all’uovo realizzata proprio con la farina di castagne e un morbido ripieno di ricotta fresca. Assolutamente da provare!

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4
  • CucinaItaliana

Per la pasta

  • 120 gfarina di semola di grano duro rimacinata
  • 3uova
  • 1 pizzicosale

per il ripieno

  • 200 gricotta
  • 1 pizziconoce moscata
  • 2 cucchiaiparmigiano

Strumenti

  • Planetaria (facoltativa)
  • Sfogliatrice o matterello
  • Rotella dentata o stampo per ravioli

Preparazione

  1. Mescolare le due farine con le uova, aggiungere il sale e impastare finchè la consistenza non sarà elastica e compatta. La puoi realizzare a mano, io ho utilizzato la planetaria, diventata nel tempo la mia migliore amica 🙂

  2. Lasciar riposare la pasta per circa mezz’ora coperta da pellicola per alimenti.

  3. Preparare il pieno mescolando bene la ricotta con il parmigiano, salando appena e aggiungendo un pizzico di noce moscata. Volendo si può aggiungere un uovo se vi piace una consistenza più corposa.

  4. Trascorso il tempo di riposo dividere l’impasto in panetti e stenderla abbastanza fine (secondo il gusto personale).

  5. Formare i ravioli mettendo come di consueto i mucchietti di ripieno su una sfoglia, coprendoli con un’altra sfoglia e tagliando i vostri ravioli con una rotella apposita. In alternativa potete usare uno stampo per ravioli ( io mi ci trovo davvero bene) , la cosa importante è togliere bene l’aria interna prima di tagliarli, cosa che si fa facilmente con le mani premendo intorno a ogni mucchietto di ripieno.

  6. Lessare u ravioli in abbondante acqua salata addizionata di un filo d’olio perchè non si attacchino.

  7. Condire i ravioli a piacimento, io ho usato semplicemente del burro fuso e un po’ di noci sbriciolate e leggermente tostate.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.