Gnudi toscani

gnudi toscaniGnudi toscani

Devo confessare che pur abitando da molti anni in Toscana  e avendo assaggiato qualunque specialità di questa bellissima terra, non avevo mai provato gli gnudi toscani. Mi era capitato qualche volta di vederli in qualche negozio, ma mi ero sempre detta bhè, prima o dopo li faccio, tanto mi piaceranno sicuramente. E poi non ci pensavo più. Fatalità parlando con un amico poche sere fa siamo andati sul discorso , e lui “ma come non li hai mai mangiati?”. “Ok – ho risposto – hai ragione, rimedio subito: vedo se ho gli ingredienti in casa e stasera se ti fermi a cena te li preparo.
Detto fatto… la sera a tavola ho assaggiato per la prima volta gli gnudi toscani fatti da me, che nemmeno li avevo mai assaggiati.Fortunatamente avevo in casa “l’esperto” il quale mi ha detto che erano riusciti perfettamente… fiuuuuu 😉

  • 250 GR di ricotta
  • 500 GR di spinaci
  • uno spicchio d’aglio
  • 3 cucchiai di parmigiano
  • 2 uova
  • un pizzico di noce moscata
  • farina qb

  • burro qb
  • salvia fresca qb
  • parmigiano qb

Lessare gli spinaci e scolarli molto bene, quindi passarli in padella con un filo di olio ( o burro) e uno spicchio d’aglio. Aggiungere la noce moscata.
Trasferire gli spinaci nel robot, aggiungere le uova, la ricotta, il parmigiano e due cucchiai di farina; amalgamare il tutto e testarne la consistenza, devono risultare morbidi ma corposi abbastanza da poterli maneggiare.
Mettere in un piattino un poco di farina.
Formare delle palline ovali grandi un po’ più di una noce ( io li ho fatti piuttosto grandi, mi “ispiravano” di più) , passarli appena nella farina e disporli in un piatto.
Preparare il condimento, semplicemente a base di burro e salvia, in un apadella grande abbastanza per contenerli.
Far cuocere gli gnudi toscani in acqua salata bollente nello stesso modo in cui si cuociono gli gnocchi: saranno pronti man mano che vengono a galla. Passarli man mano nella padella e condirli a caldo con il fuoco al minimo. Impiattarli per servire con un’ultima spolverata di parmigiano. 

Il risotto in camporella è un piatto rustico, cremoso e saporito, particolarmente indicato nella stagione
Carpaccio di spinaci novelli mandorle e miele Il carpaccio di spinaci novelli mandorle e miele,
Un antipasto coreografico e delizioso per la vigilia? Eccolo: mousse di nasello e spinaci alle
Questi friabilissimi croissant hanno un cuore morbido di nasello e spinaci arricchito da mandorle macinate,
Adoro qualunque torta salata, ma questa rimane tra le mie preferite:spinaci freschi saltati, ricotta e mandorle in
Precedente Caprese in carrozza Successivo Mattonelle di riso e crema di porcini

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.