Crea sito

Brasato di tacchino al chianti

brasato di tacchino al chiantiAdoro gli stracotti e i brasati, soprattutto d’inverno: morbidi, succulenti e gustosi come questo brasato di tacchino al chianti, una versione leggera e più economica del classico brasato. L’anca di tacchino si presta molto a questa preparazione, è compatta, ricca di polpa e senza particolari nervature. I tempi di cottura sono ridotti rispetto al manzo, quindi occorre anche meno tempo a realizzarla. Una volta cotta si disossa in un lampo e si affetta molto facilmente, insomma un ricco secondo con poca spesa e pochissima fatica.
Questa parte del tacchino – lo dico per inciso – si presta molto bene anche per rotoli farciti cotti in forno, avendo un unico osso non è complicato disossarli e farcirli, come l’anca di tacchino farcita o il rotolo fumè.

Ma torniamo a noi…andiamo in cucina!

– un anca di tacchino di ca 1 kg
– due carote
– una cipolla
– due gambi di sedano
– una bottiglia di Chianti
– sale qb
– pepe qb
– olio evo qb

Preparare un soffritto con la cipolla il sedano e la carota, a me piace in questo caso tagliato a filangè, e farlo rosolare a fiamma bassa. Personalmente preparo questo piatto in pentola a pressione, non solo per ridurre i tempi di cottura ma anche per mantenere integro il sapore e non far evaporare gli aromi. In assenza di questa, potete usare una casseruola coprendola bene col coperchio.
Appena le verdure saranno colorite mettere l’anca intera ( se volete un piatto leggero naturalmente potete prima spellarla), farla dorare da entrambi i lati, quindi salare, pepare e aggiungere il vino, chiudere la pentola e alzare un poco il fuoco.
In pentola a pressione occorreranno circa 20/25 minuti dal fischio (dopo abbassate la fiamma, mi raccomando!), mentre in una normale casseruola circa 40/45 minuti, e si abbasserà la fiamma quando il vino sobbollirà.
Togliere quindi la carne, privarla dell’osso e affettarla, mentre il sugo continuerà a cuocere a fuoco dolce per rimanere bello caldo.
Impiattare la carne e irrorare con il sugo di cottura, ed ecco pronto il brasato di tacchino al chianti. Il contorno ideale è un bel purè ma anche una bella polenta ci sta davvero bene… buon appetito! Per questa e altre ricette e novità vi aspetto anche sulla mia pagina Facebook 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.