Il dado vegetale è stata una delle prime ricette che ho imparato a fare con il bimby

Dado vegetale

Dado vegetale

Siamo nel periodo invernale, è di obbligo la sera preparare per cena zuppe, vellutate, minestre…..che buone, adatte a riscaldare lo stomaco. Mio marito ama soprattutto le minestre e il dado vegetale mi aiuta a renderle più saporite.

E’ così semplice da preparare, certo il bimby è un gioiello in cucina, valido aiuto sia per chi se la cava bene, sia per chi è alle prime armi. Basta mettere tutti gli ingredienti all’interno del boccale, impostare temperatura, tempo e velocità……ed il gioco è fatto. Il bimby lavorerà al posto vostro e voi potrete dedicarvi alle cose che più vi piacciono.

Quando il programma è giunto al termine il bimby vi avviserà con un suono. In questa ricetta oltre alla cottura di tutte le verdure è necessario omogeneizzarle una volta che queste sono cotte ed in questo il bimby è davvero imbattibile, trasforma tutto in una crema senza la minima traccia di bucce….

La ricetta è quella del libro base del bimby, direi…..la bibbia per imparare ad usare questo elettrodomestico. Otterrete un dado fatto in casa sano e genuino, assolutamente superiore a quelli che si trovano in commercio

Ingredienti per un vasetto di media-grande dimensione

150 gr. di sedano a pezzetti

100 fr. di carote a pezzetti

100 gr. di cipolle a pezzetti

100 gr. di zucchine a pezzetti

1 spicchio di aglio

1 ciuffo di prezzemolo

qualche foglio di salvia e rosmarino

2 cucchiai di olio

30 gr. di vino bianco

300 gr. di sale grosso

  • Mettere nel boccale tutte le verdure a pezzetti e tritare 10 secondi velocità 7
  • Unire sale, vino ed olio e cuocere a temperatura VAROMA velocità 2 tenendo il misurino inclinato
  • Portare lentamente a velocità 6
  • Successivamente omogeneizzare il tutto portando lentamente a velocità 10 per 1 minuto circa
  • Se il dado risulta particolarmente “morbido”, lasciarlo addensare qualche minuto VAROMA velocità 2

Visto come è semplice? Avrete in pochissimo tempo un dado genuino

Versare il dado all’interno di un vasetto e conservare in frigo per circa 2 mesi, oppure versarlo nelle vaschette del ghiaccio e congelare. Avrete il vostro dado sempre pronto

Se ti piacciono le mie ricette seguimi nella mia pagina Facebook Da leccarsi le dita

 

 

3,022 Visite totali, 5 visite odierne

 
14 Comments

14 Comments on Dado vegetale con il bimby

  1. menta e peperoncino
    18 febbraio 2016 at 10:40 (2 anni ago)

    Ottima ricetta Paola, mi piace molto il dado home made perché è sano, gustoso e sopratutto si presta per tantissime preparazioni.. Bravissima, come sempre!! 🙂

    Rispondi
    • daleccarsiledita
      18 febbraio 2016 at 21:06 (2 anni ago)

      Grazie Ivana, faccio spesso anche quello di carne, sarà una delle prossime ricette che posterò

      Rispondi
    • daleccarsiledita
      18 febbraio 2016 at 21:06 (2 anni ago)

      Hai proprio ragione

      Rispondi
  2. Silvana
    18 febbraio 2016 at 16:07 (2 anni ago)

    Ho il Bimby e non l’ho mai preparato ma la tua ricetta mi ha convinta!

    Rispondi
    • daleccarsiledita
      18 febbraio 2016 at 21:07 (2 anni ago)

      Te lo consiglio proprio Silvana

      Rispondi
  3. Debora
    18 febbraio 2016 at 16:27 (2 anni ago)

    non ho il bimby ma farsi il dado vegetale è una risorsa fantastica per mangiare sano, brava Paola!

    Rispondi
    • daleccarsiledita
      18 febbraio 2016 at 21:07 (2 anni ago)

      Hai proprio ragione Debora

      Rispondi
  4. Aurora
    18 febbraio 2016 at 17:34 (2 anni ago)

    Lo preparo spesso,ottimo!

    Rispondi
    • daleccarsiledita
      18 febbraio 2016 at 21:43 (2 anni ago)

      Allora conosci la sua bontà

      Rispondi
  5. Lidia
    18 febbraio 2016 at 21:41 (2 anni ago)

    Una bellissima ricetta,complimenti!

    Rispondi
    • daleccarsiledita
      18 febbraio 2016 at 21:44 (2 anni ago)

      Grazie Lidia

      Rispondi
  6. Karen
    19 febbraio 2016 at 22:34 (2 anni ago)

    Mi salvo la tua ricetta perché veramente buona!

    Rispondi
    • daleccarsiledita
      21 febbraio 2016 at 17:51 (2 anni ago)

      Grazie Karen

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *